Campania

Napoli, disoccupati occupano stazione e danneggiano autobus

 NAPOLI. Nella mattinata di mercoledì gruppi di disoccupati si sono contentrati in piazza Mancini e in piazza Carlo III per il corteo annunciato dai “precari Bros” e dal “Movimento di lotta di Napoli e Provincia” in seguito all’arresto di 13 disoccupati per l’invasione del consiglio regionale della Campania.

Un paio di centinaia di manifestanti si sono concentrati in piazza Mancini e altrettanti in piazza Carlo III. La Questura di Napoli ha reso noto che il corteo era stato successivamente autorizzato. Il corteo – secondo quanto annunciato dai disoccupati – dovrebbe dirigersi al carcere di Poggioreale per chiedere la liberazione degli arrestati.

ASSALTO ALLA STAZIONE. Un gruppo è entrato nella stazione ferroviaria centrale di Napoli, occupando i binari. La circolazione dei treni è ripresa regolarmente. Il blocco in stazione è stato sospeso poco prima delle 12. I disoccupati erano scesi sui binari all’altezza di Gianturco, bloccando anche la linea 2 della Metropolitana.

DANNEGGIATI AUTOBUS.Contemporaneamente autobus dell’Anm sono stati presi di mira e danneggiati in via De Gasperi, via Salvator Rosa e al Corso Garibaldi. Secondo testimonianze degli autisti e di passeggeri ad agire, con grande rapidità sono state persone a bordo di scooter, che hanno colpito le porte dei mezzi, frantumando i vetri, con spranghe. Presi di mira, in diversi punti della città, autobus della linee 601, C16 e C24 e due della linea 202. Gli autobus sono stati fatti rientrare nei depositi dall’azienda. Gli autisti si sono recati a sporgere denuncia alla polizia. I disoccupati, però, si sono divisi in gruppi con una tattica già attuata altre volte.

ALTA TENSIONE A POGGIOREALE. Le forze dell’ordine hanno effettuato una “azione di alleggerimento” davanti al carcere di Poggioreale, dove sono giunte in corteo alcune centinaia disoccupati. La polizia è intervenuta quando i manifestanti hanno cominciato a concentrarsi davanti al portone d’ingresso del carcere disperdendo i disoccupati.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico