Aversa

Locali chiusi a mezzanotte, petizione dei giovani della movida

 AVERSA. “Non è un paese per vecchi” si intitola un recente film, mentre Aversa non è di certo un paese per giovani.

Mancano strutture idonee per l’aggregazione sociale, mancano idee di sviluppo mirate alla salvaguardia delle nuove generazioni, manca un’idea generale di città vivibile ed a misura di under 18. Ecco allora la provocazione fatta da alcuni giovani ed apparsa in questi giorni negli esercizi commerciali di via Roma e piazza Municipio.

Un manifestino che cita “Tutti uniti per chi vuol farci passare da padroni a schiavi della notte. Le città vive e deve vivere anche dopo le 24. Purtroppo con la chiusura dei locali noi giovani ci vediamo quasi costretti a ritornare alle nostre abitazioni. Dimostriamo che nessuno può mandarci a casa, e che la nostra vita la gestiamo da soli. Uniti contro il coprifuoco”, ed in calce l’invito alla firma. L’iniziativa nasce dal disagio percepito dai giovani a fronte dell’ordinanza di chiusura dei bar alla mezzanotte (che diventa l’una per chi somministra anche cibo) che ha un duplice effetto: obbligare gli esercenti al rispetto della regola onde incorrere in salatissime multe, ed obbligare i ragazzi a spostarsi dal centro della città ai locali sparsi nella provincia.

Il sindaco Domenico Ciaramella promette di rivedere le restrizioni purché i giovani dediti alla movida riescano a gestire in maniera consapevole il tempo che passano in strada. Spesso i locali si trovano vicinissimi ad abitazioni, e questa cosa poco converge con le esigenze di chi deve alzarsi presto per lavorare. Intanto, il piccolo comitato spontaneo ha raccolto oltre 800 firme.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico