Aversa

Differenziata, attiva l’isola ecologica in via Perugia

Luciano Luciano AVERSA. Annunciata da mesi, l’isola ecologica di via Perugia è diventata realtà. Anche se sono ancora in atto i lavori necessari per separare la parte dell’area dedicata al cantiere che ospita uffici direzionali, …

… locali per dipendenti e macchine da lavoro da quella destinata esclusivamente all’isola, la raccolta differenziata in via Perugia è ormai attiva. Ed è possibile effettuarla da lunedì al venerdì depositando carta, plastica, lattine e ingombranti dalle ore 5 alle ore 18, senza soluzione di continuità, e il sabato dalle ore 5 alle ore 13.

Soddisfatto l’assessore all’ambiente Luciano Luciano che ha così chiuso il sito provvisorio di piazza Don Diana che, pur dimostratosi efficace e valido, aveva sollevato molte perplessità nella cittadinanza per l’opportunità di avere collocato un deposito di rifiuti, sia pure puliti, in pieno centro, tra la casa comunale e una chiesa monumentale importantissima qual è quella di San Francesco d’Assisi.

Resta attivo, ma ancora per poco, il sito provvisorio del palazzetto dello sport dove sarà possibile continuare a depositare carta, plastica, lattine e ingombranti fino all’apertura dell’isola ecologica in fase di realizzazione in zona Cappuccini i cui lavori, nei primi giorni di ottobre, hanno subito uno stop a causa del sequestro di un’area di circa duemila metri quadrati utilizzata per lo sversamento abusive di rifiuti anche pericolosi da parte delle forze dell’ordine. Uno stop che, comunque, non dovrebbe impedire la conclusione dei lavori per la realizzazione dell’isola ecologica. Ne è convinto l’assessore che tiene a sottolineare come la differenziata abbia subito un’impennata con l’attivazione del sito di via Perugia grazie alla grossa disponibilità di scarrabili per la differenziata posizionati all’interno.

“L’ampiezza dell’area ha reso possibile posizionarne sei o sette e –dice – sta funzionando benissimo. Gli operatori svuotano continuamente gli scarrabili danno possibilità ai cittadini di depositare in maniera differenziata sempre di sempre di più e sempre meglio”.

Un dato che, in attesa dell’avvio di quella porta a porta, fa ben sperare per la crescita percentuale della differenziata dove sarà indispensabile raggiungere, entro il 2012, l’obbiettivo fissato al 65 per cento dalla Comunità Europea.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico