Santa Maria C. V. - San Tammaro

Ribaltone, opposizione: “Che vergogna, il sindaco deve dimettersi”

Limardi, BorgiaRausoSANTA MARIA CV. Continua la polemica dell’opposizione dopo il ribaltone attuato dal sindaco Giudicianni.

Ecco gli interventi, nel corso della seduta di lunedì sera, a cui erano assenti sindaco e maggioranza, dei consiglieri Maria Limardi ed Emilia Borgia del gruppo “Laica…mente” e del consigliere Gaetano Rauso, di recente dimessosi dal Pdl in contrapposizione al passaggio nel partito di Giudicianni, proveniente dal Pd.

MARIA LIMARDI. Ci appare necessario a me quale prima firmataria e a coloro che insieme a me hanno sottoscritto la richiesta di convocazione di un Consiglio Comunale, chiarire le ragioni che ci hanno indotto a chiedere con un documento la verifica della maggioranza consiliare che sostiene attualmente il Sindaco Giudicianni.

La richiesta veniva formulata e formalizzata il 5/08/2010 quando ancora il Sindaco veniva sostenuto, seppur parzialmente (tenuto conto che alcuni Consiglieri già dichiaravano di appartenere a forze politiche di centro destra) da una maggioranza di centro sinistra, e veniva sottoscritta anche dai Consiglieri Comunali Nicola Viaggiano, Franco Cecere ed Antonio Crisileo. Questi ultimi tre quest’oggi siedono tra le fila della maggioranza consiliare.

Tale verifica veniva richiesta in quanto il Sindaco, nei primi del mese di luglio, azzerata la Giunta, dichiarava apertamente sui mezzi di stampa che riteneva chiusa l’esperienza politico . amministrativa di centro sinistra, lasciando intendere che il programma politico sarebbe cambiato.

Inopinatamente ed immediatamente dopo, però, ritrattando le dichiarazioni precedentemente rilasciate, ricomponeva il medesimo Esecutivo, cioè si avvaleva delle medesime persone fisiche alle quali venivano ridistribuite le medesime deleghe.

In ogni caso, la composizione di quella maggioranza aveva già delle anomalie derivanti dalla coesistenza di anime diverse appartenenti – ripeto – solo in parte, ad una coalizione di centro sinistra.

LE EVOLUZIONI POLITICHE SUCCESSIVE ED, IN PARTICOLARE, L’AZZERAMENTO DELLA GIUNTA DI CENTRO SINISTRA CON LA CONSEGUENTE NOMINA DI UNA GIUNTA COMPOSTA IN PARTE DA UOMINI DI CENTRO DESTRA ED IN PARTE DA UOMINI, SUOI FEDELISSIMI, CHE DALLE FILA DELLA SINISTRA SONO CONFLUITI NELLE FILA DEL CENTRO DESTRA, IMPONGONO –OGGI ANCOR DI PIU’ E PIU’ CHE MAI – LA VERIFICA DELLA MAGGIORANZA CONSILIARE CHE LO SOSTIENE.

Corre l’obbligo sottolineare che – per diverse E SOLO IN PARTE ARCANE RAGIONI – la coalizione dei Partiti, movimenti e liste civiche che inizialmente avevano appoggiato la candidatura di Giudicianni Sindaco già da tempo, NEL LORO NUCLEO ORIGINARIO, sono state allontanate dalla gestione amministrativa.

A distanza di circa 1 ANNO E MEZZO dalle elezioni, infatti, fuoriuscivano, per espressa volontà del Sindaco, le liste civiche; venivano sostituiti gli Assessori che con enorme consenso popolare erano stati eletti come Consiglieri.

Il SINDACO, INFATTI, RICORREVA ALL’ALTRA COALIZIONE DI CENTRO SINISTRA CHE AVEVA ESPRESSO ALTRO E DIVERSO CANDIDATO SINDACO.

TALE COALIZIONE, ANCHE SE ARRIVATA AL BALLOTTAGGIO, SI ERA CONTRAPPOSTA PER DIVERSITA’ DI PROGRAMMA POLITICO E PER DIVERSITA’ DI PROGETTI DA METTERE IN CAMPO.

ESSA RAPPRESENTAVA LA CONTINUITA’ CON LE AMMINISTRAZIONI PRECEDENTI PER GLI UOMINI CHE LA COMPONEVANO, ED, IN PARTICOLARE, PER IL CANDIDATO SINDACO CHE PER ANNI AVEVA RIVESTITO LA CARICA DI VICESINDACO SOTTO LA CONSILIATURA DI ENZO IODICE.

Tutto questo accadeva nella primavera del 2009.

A distanza di tre anni dalle elezioni, ECCO CHE RISULTA ESSERE STATO EFFETTUATO UN NUOVO GIRO DI NOMI, PARTITI, RAPPRESENTANTI POLITICI E COMPONENTI DI GIUNTA (I CUI NOMI SPESSO RISULTANO DI DIFFICILE ABBINAMENTO A QUALCUNA DI QUESTE ENTITA’ ).

IN ALTRE PAROLE, OGGI NOI SOFFRIAMO UNA MANCANZA DI TRASPARENZA TRA GLI ELETTI E GLI ELETTORI, E NON SOLO.

ED INFATTI, LA MANCANZA DI TRASPARENZA ESISTE E SI PERCEPISCE FINANCHE TRA COLORO CHE RISULTANO ESSERE I RAPPRESENTANTI POLITICI DELLA COLLETTIVITA’ SAMMARITANA ED I PARTITI TUTTI ED I MOVIMENTI TUTTI DEL CONSIGLIO COMUNALE.

Si badi bene, mai è stato messo in discussione quell’iniziale programma elettorale, eppure – senza alcuna ragione umana e comprensibile – oggi vengono spazzati via dalla Giunta nomi e Partiti, e figurano sostenere l’attuale Giunta finanche Partiti platealmente bocciati all’ultima tornata elettorale.

Non temo smentita alcuna se dico che in nessun Paese al mondo un Partito che si presenta alle elezioni, e non arriva neanche al ballottaggio, CIOE’ UN PARTITO PLATEALMENTE BOCCIATO DALL’ELETTORATO MAI E DICO MAI si e’ sognato di diventare, successivamente, forza di governo.

IL TUTTO PER VOLONTA’ INCOMPRENSIBILE DI UN SINGOLO SOGGETTO!

Avrei potuto comprendere se un radicale cambiamento della maggioranza fosse stato frutto di un confronto popolare, partitico, o di un confronto tra associazioni di categoria, che – ALL’ESITO DI UN DIBATTITO AMPIO E PUBBLICO – avesse maturato la convinzione di aderire a tutt’altro programma politico evitando le elezioni.

Oggi, invece, tutto questo non c’è.

Noi componenti del Consiglio Comunale abbiamo la responsabilità di far sì che la città venga amministrata DEMOCRATICAMENTE, NEL RISPETTO DEI PRINCIPI – APPUNTO – DEMOCRATICI, E TENENDO SEMPRE PRESENTE CHE LA DIGNITA’ UMANA ED IL RISPETTO DEL PROSSIMO SONO CANONI BASILARI ANCHE DEL VIVERE POLITICO!

Con la conseguenza che noi non possiamo evitare di rendere conto a tutti gli elettori e non manifestare pubblicamente la nostra volontà per votare stasera – in modo palese – l’appoggio ad un nuovo, diverso, e SOPRATTUTTO MAI ESPRESSO NEI SUOI DETTAGLI, PROGRAMMA POLITICO CHE DOVREBBE ESSERE L’OBIETTIVO DELLA NUOVA MAGGIORAZA CONSILIARE.

Perché, si badi, se il programma politico è rimasto lo stesso, oggi Lei Sindaco ha l’obbligo di spiegare a tutti perché gli uomini di centro sinistra hanno fallito e meritavano di essere abbandonati. SE, INVECE, IL PROGRAMMA E’ CAMBIATO, LEI SIG. SINDACO HA L’OBBLIGO DI FARE AMMENDA PUBBLICA E DIRE PUBBLICAMENTE IN QUEST’AULA CHE HA SBAGLIATO OBIETTIVI, UOMINI E PROGRAMMI, E DI TUTTO CIO’ SE NE DEVE PRENDERE LA RESPONSABILITA’ NELL’UNICO MODO DEMOCRATICO ESISTENTE IN ITALIA.

SIGNOR SINDACO IO LA INVITO CALDAMENTE A CHIEDERE SCUSA AI CITTADINI DEL SUO COMPORTAMENTO POLITICO ED A RASSEGNARE LE DIMISSIONI AFFINCHE’ IL POPOLO POSSA RITORNARE A VOTARE.

La democrazia, si ricordi, prevede sempre dei rimedi di fronte alle illiceità, le ingiustizie ed ai soprusi, ed il nostro Statuto ci tutela sotto questo punto di vista.

Se Lei non rassegnerà le dimissioni, il gruppo Laica…mente e tutti gli altri Partiti e movimenti che vorranno partecipare, daranno vita ad una raccolta popolare di firme per raggiungere quel numero minimo sufficiente per ottenere la Sua destituzione, mediante referendum popolare.

QUESTO MONITO SIA PRESENTE AD OGNUNO DEI CONSIGLIERI PRESENTI IN QUEST’AULA, PERCHE’ OGNI SINGOLO SOGGETTO DI VOI CHE VOTERA’ A FAVORE DEL SINDACO GIUDICIANNI SE E’ DI SINISTRA DOVRA’ SPIEGARE AI PROPRI ELETTORI PERCHE’ APPOGGIA UN SINDACO CHE LI HA DEFENESTRATI TRADENDO UN PROGRAMMA, GIA’ FRUTTO DI UN COMPROMESSO, SE INVECE E’ UN ELETTORE DI CENTRO DESTRA, VOI COMPONENTI L’AREA DI CENTRO DESTRA DOVRETE SPIEGARE PERCHE’ IL VOSTRO CAPO DELL’AMMINISTRAZIONE E’ UN EX UOMO DI AREA DI SINISTRA, EX MARGHERITA, EX PD, E SPERIAMO CHE, DI QUI A BREVE, ANCHE EX SINDACO!

Invito, pertanto, tutti i componenti in aula a chiarire una volta e, possibilmente, PER ALMENO I PROSSIMI DUE ANNI, SE APPOGGIANO LA MAGGIORANZAO, SE INVECE, VOGLIONO IL RITORNO ALLE URNE.

EMILIA BORGIA. Devo dire che l’attuale composizione della minoranza consiliare fa emergere una grande lungimiranza del gruppo consiliare indipendente “Laica…mente”al quale appartengo, unitamente al capogruppo, Consigliera Maria Limardi.

Non mi dilungherò oltre per sottolineare le diverse anime che compongono questa minoranza consiliare, anche perché il tema di stasera è ben altro e sicuramente in futuro, se ce ne sarà un futuro, così come in passato, emergerà – con estrema chiarezza chi siede tra questi banchi per convinzione e chi per convenienza. Ma non è questo il tema del dibattito di stasera, l’argomento di oggi è ben altro.

Ci sono dei momenti storici in cui un componente di una determinata collettività o di una cittadina è orgoglioso di essere componente di quella comunità.

Penso a quando è stato riaperto il Teatro Garibaldi, penso a quando negli anni passati girando per motivi professionali, con orgoglio sentivo elogiare il Foro di S.Maria C.V., penso a quando a S. Maria è stato aperto il casello autostradale ed a quando sono state istituite le Università di Giurisprudenza e di Psicologia, o a quando la città ha festeggiato il bicentenario del Tribunale nello scorso mese di ottobre con illustri visitatori provenienti da ogni città d’Italia. Nessuna delle cose che ho elencato è merito Suo, Signor Sindaco!

In questi ultimi giorni, invece, è accresciuto in me un sentimento che è diventato sempre più chiaro fin quando non ho appreso che Lei, Signor Sindaco, ha azzerato la Giunta di centro sinistra che La stava appoggiando, Giunta composta da forze politiche confluite nella Sua maggioranza consiliare – come a tutti ben noto – per una precedente crisi nata dopo poco tempo dal Suo insediamento.

La maggioranza consiliare, infatti, che la sosteneva nella tornata elettorale del 2007 veniva da Lei ben presto defenestrata e Lei si sceglieva nuovi compagni d’avventura, pur sempre nella compagine di centro sinistra.

Come dicevo, nelle ultime settimane ed, in particolare nell’ultimo mese e negli ultimi giorni, ho avuto modo di apprendere che Lei, Signor Sindaco, ha nuovamente azzerato la Giunta, composta parzialmente da uomini di centro sinistra, per costituire una nuova maggioranza consiliare fatta da uomini di centro destra.

Ebbene, Signor Sindaco, IO PROVO VERGOGNA, PROFONDAMENTE VERGOGNA, E SONO INDIGNATA E LA MIA è UN’INDIGNAZIONE CHE MI VIENE DAL PROFONDO E NON PERCHE’ IL GRUPPO LAICA…MENTE ABBIA MAI NASCOSTO LA PROPRIA AVVERSIONE POLITICA RISPETTO ALLA GESTIONE AMMINISTRATIVA FINORA PALESATA.

LA VERGOGNA E L’INDIGNAZIONE MI SORGE DALLA CONSTATAZIONE DEL TRADIMENTO PALESE DEI PRINCIPI BASILARI DI OGNI DEMOCRAZIA. PRINCIPI CONSACRATI NELLA NOSTRA CARTA COSTITUZIONALE E CHE LEI, SIGNOR SINDACO HA IGNORATO, TRADITO E VIOLATO.

Vede, Signor Sindaco, ci sono due modi per rispettare le leggi: rispettare la lettera della Legge e tradirne lo spirito, oppure rispettare lo spirito della Legge a prescindere dal suo dato letterale. Mi spiego meglio.

E’ ovvio, lo sappiamo benissimo che formalmente è nella potestà del Sindaco modificare la Giunta secondo le sue esigenze, ma qui, il problema davanti al quale veniamo posti è impressionante.

Un Sindaco, senza passare per le urne, cambia completamente colore politico alla propria Giunta.

Signor Sindaco, LEI NON E’ UN IMPERATORE. LEI E’ STATO ELETTO PERCHE’ DEMOCRATICAMENTE TANTI ELETTORI DI CENTRO SINISTRA, CIOE’ DELLA MIA STESSA AREA POLITICA, AVEVANO SCELTO DI ESSERE RAPPRESENTATI DA CHI AVEVA IDEE DI CENTRO SINISTRA ED HANNO VOLUTO UN PROGRAMMA ISPIRATO A PRINCIPI ED IDEE DI CENTRO SINISTRA.

LA MAGGIORANZA DEMOCRATICA DI S. MARIA C.V. NON HA VOLUTO IL CENTRO DESTRA E NON HA MANDATP QUEST’ULTIMA PARTE POLITICA NEANCHE AL BALLOTTAGGIO!

Ed allora, Signor Sindaco, Lei, unitamente ai suoi attuali compagni di Giunta, HA TRADITO O NO LO SPIRITO DELLA LEGGE, HA TRADITO O NO LO SPIRITO DELLA VOLONTA’ POPOLARE?

E riguardo alla sconfitta del centro destra vorrei dire due parole.

Questa area politica non è arrivata al ballottaggio non perché non avesse proposto un professionista serio, tant’è vero che qualche problema al momento delle elezioni l’ho avuto anch’io, conoscendo il Consigliere Lopez al quale mi lega profondo affetto e stima incondizionata, come ben sa e non ho alcun timore di affermare pubblicamente!

In quella campagna elettorale si mettevano in moto ben altri meccanismi di cui Egli ha piena contezza e quest’oggi ne ha la prova del nove!!!

Perché diciamocelo apertamente…la vera anima nera di tutti questi tradimenti è una sola.

E’ l’anima nera che ha tradito gli iniziali alleati e l’elettorato che aveva creduto nel progetto Giudicianni, è l’anima nera che è ricorsa – nell’ambito della prima crisi della maggioranza – alla alleanza con l’altro Candidato del centro sinistra arrivato al ballottaggio.

E’ la stessa anima nera che non ha esitato a buttare a mare quel Candidato Sindaco e quegli uomini della Giunta che, nel bene o nel male, con quell’anima avevano amministrato per circa dieci anni.

Ecco, QUELLA STESSA ANIMA NERA SI E’ FATTA PROMOTRICE DI QUESTA DELIRANTE, ANTIDEMOCRATICA E SOVVERSIVA, OSEREI DIRE, OPERAZIONE POLITICA CHE DI POLITICO – AMMINISTRATIVO HA BEN POCO, O ADDIRITTURA NULLA!

Il centro destra di Paolo Romano l’ha presa nel proprio seno ed ora siede tra di Voi, tra i banchi della maggioranza Consiliare, dopo aver lasciato dietro di sé macerie; ha distrutto e screditato il PD vorrei dire all’ex Capogruppo del PD.

Ritornando al mio discorso iniziale, aggiungo che è difficile oggi camminare per strada e riuscire a rispondere alla più comune delle domande che vengono fatte dal popolo, dal popolino e dai professionisti: “Cosa abbiamo fatto noi per meritarci questo? E Lei Consigliere Borgia mi riesce a spiegare perché noi votiamo in un colore e qua ci si sveglia la mattina e ci si trova le carte in tavola completamente cambiate? Noi, Consigliere Borgia non li abbiamo votati, non li abbiamo voluti, li abbiamo bocciati e ce li troviamo pure sul Comune?”

QUESTA GIUNTA, oggi così formata (ed anche la precedente in parte, me lo si lasci pure passare) COSTITUISCE UN’OCCUPAZIONE ABUSIVA DI PUBBLIUCHE CARICHE, E LO RIBADISCO, UN’OCCUPAZIONE ABUSIVA DI PUBBLICHE CARICHE. ABUSIVA PERCHE’ NESSUNO HA VOTATO QUESTA COMPOSIZONE DI MAGGIORANZA E NESSUNO RIESCE A COMPRENDERE COME DEVE ESSERE TRADOTTO QUELLO CHE LEI, SIGNOR SINDACO, CONTINUA A CHIAMARE “PER IL BENE DELLA CITTA’”.

Che cos’è questo “per il bene della città”…, se lo chiedono tutti. Anche perché se passa questo principio “per il bene della città”, significa che dovremo accettare di tutto, PERSINO IL PRINCIPIO DI MACHIAVELLI CHE IL FINE GIUSTIFICA I MEZZI, PERCHE’ E’ QUESTO CHE LEI CI STA FACENDO PATIRE.

Ma Lei Signor Sindaco non è Machiavelli…e, sono certa, che “ per il bene della città” deve essere stabilito dalla città e dagli elettori stessi.

DOVRANNO ESSERE GLI ELETTORI A DIRE SE DOMANI VORRANNO GIANCARLO GIUDICIANNI COME SINDACO, DOVRANNO ESSERE GLI ELETTORI A DIRE SE VORRANNO GIANCARLO GIUDICIANNI COME SINDACO IN UNA COALIZIONE ED UN PROGRAMMA DI CENTRO DESTRA. DOVRANNO ESSERE GLI ELETTORI A DIRE SE VORRANNO GIANCARLO GIUDICIANNI COME SINDACO, CON UNA COALIZIONE ED UN PROGRAMMA DI CENTRO DESTRA E CON GLI STESSI UOMINI CHE QUEST’OGGI COMPONGONO QUESTA MAGGIORANZA, DOPO AVER FATTO IL GIRO DI TUTTO L’ARCO COSTITUZIONALE!

E chi vi dice che questo non possa accadere?

Il tutto, però, deve avvenire solo dopo che il Popolo Sovrano avrà votato quegli uomini, ritenendoli meritevoli di fiducia, riconfermandoli, DEMOCRATICAMENTE!

PRINCIPI TRADITI, PROGRAMMI ELETTORALI SCOMPARSI E L’INCOGNITA DEL PRINCIPIO “PER IL BENE DELLA CITTA’”questo è quanto si legge ed emerge dalle Sue scelte e dal Suo comportamento.

IO PENSO, invece, CHE S. MARIA C.V. MERITI MOLTO DI PIU’ E PER PIU’ MOTIVI: viviamo un momento molto delicato per la nostra cittadina, perché vi è la necessità di riprogrammare l’intero sviluppo del nostro territorio alla luce dell’apertura del CASELLO AUTOSTRADALE. (Vogliamo forse dimenticarci che la ricchezza di Marcianise è un’area industriale posta proprio a ridosso di un casello autostradale?).

Abbiamo l’esigenza di ripensare ad una politica industriale che trovi il suo fulcro nell’immenso TESORO ARCHEOLOGICO di S.Maria C.V., con l’immenso possibile indotto DELL’INDUSTRIA DEL TURISMO, perché Lei, purtroppo, non ci arriva, ma IL TURISMO E’ UN’INDUSTRIA e con esso – almeno in parte – potrebbe risolversi il problema occupazionale.

Ed invece pensate di risolverlo promettendo posti di lavoro nel compostaggio rifiuti e tutto ciò che riguarda questo settore, come se la città ed i suoi cittadini meritassero solo lavoro nell’immondizia.

Il bello è che promettete solamente, perché poi – in concreto – mettete a posto solo familiari stretti di Consiglieri Comunali, non è forse vero Consigliere Cioffi? Non è forse vero Signor Sindaco?

E non vado oltre con l’anima nera di cui sopra!

Abbiamo l’esigenza di ripensare alla qualità della vita per la tutela della salute di tutti noi, monitorando costantemente l’impianto di compostaggio rifiuti e le discariche esistenti sul nostro territorio per cercare di evitare il proliferare di patologie cancerogene ed irreversibili: QUAL’E’ LA QUALITA’ DELL’ARIA CHE RESPIRIAMO, DELL’ACQUA CHE SCORRE DAI NOSTRI RUBINETTI, DEI FRUTTI PRODOTTI DALLA TERRA DI S. MARIA C.V.?

Con le nostre battaglie, fortunatamente, siamo riusciti a mantenere sul territorio del Comune di S.Maria C.V., nel centro storico, che abbisogna di essere rivitalizzato, l’istituzione del nostro storico Tribunale. Almeno questo…, e non è una vostra vittoria, perché volevate ben altri siti come il terreno di via Olanda, dove ci sono chiari interessi politici e mi fermo qui.

Sull’ubicazione del Settore civile poi vedremo, faremo battaglia in altri Consigli Comunali, previo concerto con la città e gli operatori del Settore, come già abbiamo fatto e sempre faremo.

Vede, Signor Sindaco, come cittadina, prima ancora che come Consigliere Comunale, avrei preferito mille volte sentirla in un pubblico dibattito, in un Consesso Consiliare, in difesa del territorio di S.Maria C.V., dei suoi cittadini, del loro lavoro e delle loro Istituzioni. Ed invece, PURTROPPO, PARE CHE IL SUO UNICO PROBLEMA SIA TROVARE NUOVI ALLEATI.

(Con malizia) GLI ALLEATI NUOVI, OVVIAMENTE AD ECCEZIONE DEL CONSIGLIERE CAMPOCHIARO, SERVONO QUANDO IL FINE GIUSTIFICA I MEZZI!

La realtà che Lei vive, invece, Signor Sindaco, è ben altra.

Lei con la Sua condotta da pittore nel cambiare i colori, non ha fatto altro che affermare in un modo talmente violento ed a voce così alta :”gli amici miei ed io che abbiamo iniziato a governare tre anni fa e abbiamo fallito. Non siamo riusciti ad attuare il programma e abbiamo fallito, E SICCOME SONO FALLITO QUANDO ERO BIANCO ROSSO, OGGI RINASCO NELL’AZZURRO.

SI VERGOGNI DAVANTI AL POPOLO E DAVANTI AI RAPPRESENTANTI DEL POPOLO SEDUTI IN QUESTO CONSIGLIO!

Ecco, io stasera mi aspetto un gesto che semplicisticamente direi dignitoso: diamo la possibilità al popolo di votare, diamo la possibilità ad una città che non merita questo trattamento di svolgere dei sacrosanti diritti democratici consacrati nella nostra Costituzione: L’ESERCIZIO DEL DIRITTO DI VOTO.

Garantiamo la democrazia e facciamo sì che la gente possa non più lamentarsi nelle strade, nei negozi, nei cortili, nei rioni degradati e dimenticati. DIAMO LA POSSIBILITA’ AI SAMMARITANI DI LEGITTIMARE QUELLA SFIDUCIA DILAGANTE CHE SI PERCEPISCE NEI CONFRONTI DI QUESTA GIUNTA, MA SOPRATTUTTO NEI CONFRONTI DI LEI, SIGNOR SINDACO.

E soprattutto, sono certa, CHE UNA SFIDUCIA DI QUESTO CONSIGLIO O LE SUE DIMISSIONI SONO L’UNICO MODO PER EVITARLE L’ONTA DI UN REFERENDUM POPOLARE CHE NON MANCHERA’ SE LEI, SIGNOR SINDACO, DOVESSE RIMANERE ANCORA ABUSIVAMENTE IN CARICA NEI PROSSIMI MESI!

Ecco questo è il momento della verità.

Adesso è il momento per capire chi appoggia la persona fisica Giancarlo Giudicianni, oppure no, perché di questo si tratta.

Non credo che il programma di centro sinistra possa sposarsi con un programma di centro destra, non offenda la nostra intelligenza.

E quindi, è alla persona fisica Giancarlo Giudicianni che Voi della maggioranza consiliare dovete decidere se dare o meno fiducia.

Ed allora, ritornando alle considerazioni iniziali, vorrei invitare quei Consiglieri dell’opposizione che siedono in maggioranza ed ai quali sono legata da affetto sincero, di pensarci bene.

Agli occhi della città chi deciderà di appoggiare il Sindaco Giudicianni, perde di credibilità.

Guardatevi attorno e chiedetevi cosa avete in comune con quanti vi stanno al fianco.

Io la risposta ce l’ho: NULLA, ASSOLUTAMENTE NULLA!

Vi invito, pertanto, a riflettere, perché che vogliate o meno continuare la Vostra esperienza politica, STASERA – DI FRONTE ALLA CITTA’ – VI GIOCATE LA CREDIBILITA’…NON SOLO POLITICA.

GAETANO RAUSO. Comincio il mio discorso sottolineando che diverse testate giornalistiche di rilevanza nazionale, per il clamore e la scabrosità che hanno destato le scelte del Sindaco Giudicianni, si sono interessate alla politica locale.

Il che sta a significare che Lei Signor Sindaco è riuscito a far parlare di sé – ovviamente negativamente – al di là dei confini della nostra città, della nostra Provincia e della nostra Regione…

(alzare un po’ la voce ma parlare lentamente)Lei Signor, in altre parole, è divenuto l’emblema della mala gestione amministrativa, come da sempre denuncio sui mezzi di stampa ed in questo Consiglio Comunale.

La Sua Amministrazione si è contraddistinta, e continua a farlo purtroppo, per aver operato scelte in netta contrapposizione rispetto al programma elettorale sottoposto a quanti l’hanno votata.

Tradendo quanti avevano creduto e condiviso un determinato progetto politico fatto di discontinuità, Lei – infischiandosene di tutto e di tutti – ha ritenuto di optare per alleanze diverse, avvalendosi della colpevole connivenza di quanti, sino a questo momento, l’hanno supportata nelle tanto discutibili scelte che sinora ha operato.

Voglio rammentarLe che Lei si era posto (parlare molto lentamente) in netta discontinuità rispetto alle Amministrazioni che La avevano preceduta e, (con molta enfasi) con questi presupposti, si presentava all’elettorato, promettendo che non avrebbe MAI – E RIPETO – MAI DIMENTICATO DI ESSERE UN SAMMARITANO.

Tutti l’hanno creduta, ed in tantissimi l’hanno votata, al punto che al ballottaggio l’avverso Candidato Sindaco (che, viceversa, rappresentava la continuità con le precedenti gestioni) veniva clamorosamente sconfitta.

Vorrei rammentarLe che nel 2002 il Suo consenso popolare equivaleva a circa trenta unità, il che sta a significare che tutta la coalizione fatta di Partiti, Movimenti e Liste Civiche che in Lei avevano creduto e che su di Lei avevano investito, Le hanno dato la spinta decisiva e determinante per divenire il Primo Cittadino di S.Maria C.V.. Senza la coalizione che La supportava con quel programma politico e quei progetti ed obiettivi precisi, probabilmente Lei avrebbe preso sempre le trenta unità ancora una volta!

Vorrei, ancora, rammentarLe che (alzare la voce) LEI AVEVA PROMESSO CHE IL NOSTRO TERRITORIO SAREBBE STATO INTERAMENTE SFRUTTATO PER RISOLVERE IL PROBLEMA OCCUPAZIONALE, LADDOVE ERA POSSIBILE CREARE E RICONVERTIRE AREE DISMESSE DOVE UN TEMPO INSISTEVANO ATTIVITA’ PRODUTTIVE.

(rimodulare la voce)A differenza di quanto promesso, invece, Lei ha optato per una politica molto diversa. Una politica fatta di speculazioni edilizie, irregolarità tanto in campo urbanistico, quanto nell’ambito del patrimonio comunale, basti pensare al mancato introito degli oneri di urbanizzazione, nonché alla mancata acquisizione di aree destinate a standards.

(alzando la voce) NON AVEVA DETTO QUESTO AI SUOI ELETTORI!

( con molta enfasi) Non era certamente questo l’originario programma politico!

Ha deciso, dopo aver tradito elettori e sostenitori tutti, (con malizia) eccezion fatta per qualche fedelissimo, di riprendere uomini, progetti e programmi delle precedenti Amministrazioni, portando a compimento azioni ed operazioni rimaste incompiute.

Aveva promesso che avrebbe fatto di tutto per riqualificare il centro storico, che si sarebbe speso per rivitalizzare il commercio che vive una crisi profonda, così come aveva assicurato che avrebbe ridato alla città quella dignità negata da anni da Amministrazioni di centro sinistra che hanno definitivamente affossato l’economia cittadina.

(alzare la voce) LEI SIGNOR SINDACO HA TRADITO TUTTO E TUTTI!

LEI HA TRADITO PROPRIO I SAMMARITANI E CON LORO, ANCHE I FIGLI CHE CONFIDAVANO IN BEN ALTRO!

LEI HA DATO IN PASTO AGLI SPECULATORI UN TERRITORIO CHE AVEVA PROMESSO DI SALVARE CON UNA POLITICA MOLTO DIVERSA…

E DEBBO DIRE, FORTUNATAMENTE, NON E’ RIUSCITO NELL’INTENTO FRAUDOLENTO DI DARE ATTUAZIONE ALLA LEGGE SUL PIANO CASA, ALTRIMENTI AVREMMO ASSISTITO AD UN’ENNESIMA COLATA DI CEMENTO, COSI’ COME E’ AVVENUTO PER L’EX TABACCHIFICIO, PER L’EX MULINO PARISI, PER L’EX POLITEAMA E PER L’EX SIEMENS!

PROPRIO LEI CHE AVEVA PROMESSO DI NON DIMENTICARE LA NOSTRA SAMMARITANITA’!

(sempre a voce alta) LEI SIGNOR SINDACO HA TRADITO TUTTO E TUTTI!

HA TRADITO I GIOVANI CHE IN LEI AVEVANO RIPOSTO FIDUCIA, HA TRADITO I SUOI SOSTENITORI SENZA ESITARE A MANDARLI VIA, DOPO ESSERSI GARANTITO TUTTO IL NECESSARIO PER RIVESTIRE LA CARICA CHE RICOPRE.

E’ RIUSCITO A FAR PARLARE DI SE’, GLIE LO RIPETO, FINANCHE SULLE TESTATE NAZIONALI…SE NE VERGOGNI!

(rimodulare la voce) Adesso La vediamo all’interno di una coalizione di centro destra che, contro il volere della base, La ha accolta.

In questa coalizione io avevo creduto ed avevo intenzione di dare un mio contributo.

Non appena ho appreso che stava per compiersi questa scellerata apertura politica ho manifestato pubblicamente il mio più fermo dissenso, finanche autosospendendomi dal Partito.

Nuovamente in questa sede lo esprimo con sdegno.

L’ho fatto ripetutamente e non mi stancherò mai di sostenere che questo errore costerà alla PDL una clamorosa sconfitta.

Sono certo che adesso, più che mai, la città ha capito fino in fondo la dilagante promiscuità di questo Consiglio Comunale, precedentemente solo formalmente costituito da uomini di centro destra, i quali – in realtà – avevano rapporti, contatti, connivenze e cointeressi con alcuni uomini che si proclamavano di centro sinistra.

D’altronde la PDL già in passato si è prestata affinché uomini di centro sinistra salissero al potere, stringendo compromessi proprio con quegli uomini di centro destra che quest’oggi l’hanno accettata, Signor Sindaco, noncuranti delle future sorti di S.Maria C.V..

Ed il Tribunale civile ubicato per oltre dieci anni in via Santagata rappresenta proprio l’emblema di questa promiscuità!

Se la Procura fosse stata costruita in via Olanda, sul terreno della STU, beh…un altro uomo di centro destra, lo stesso che ha tanto caldeggiato il Suo ingresso nella PDL, ne avrebbe beneficiato a scapito della città e del suo centro storico.

(con malizia) E riguardo proprio a questo argomento vorrei dire al vicesindaco Fabozzi che evidentemente deve essergli sfuggito qualche passaggio…perché Egli che dichiara di aver portato a casa una vittoria, in realtà è uno sconfitto! Ha visto tagliare dal Ministero i fondi destinati al nostro storico Tribunale.

Inizialmente, infatti, i fondi ammontavano a circa 40 milioni di euro, mentre oggi ne vengono stanziati solo 11 milioni di euro. Ed il tutto è avvenuto, nonostante il governo centrale sia di centro destra così come la neo Amministrazione di centro destra targata Giudicianni.

Se posso darLe un Consiglio, vicesindaco, Le suggerisco di non attribuirsi meriti che non le appartengono come fa il Primo Cittadino, il quale scientemente dichiara il falso, quando rivendica la paternità dell’apertura del Casello Autostradale.

Progetto messo in cantiere molti anni orsono, anche se materialmente realizzato solo adesso!

(molto lentamente) Mi appresto alle conclusioni, Signor Presidente, volendomi rivolgere ai Colleghi dell’opposizione che, unitamente a me, hanno sostenuto nella tornata elettorale del 2007 Giancarlo Giudicianni.

Cari Colleghi che continuate a seguire il Sindaco ovunque vada, come dei saltimbanchi, vorrei ricordarvi che in Politica si tiene fede ad un programma politico, non certamente si stringono patti di sangue…quelli avvengono in altre sedi.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico