Marcianise - Capodrise - Portico - Recale - Macerata Campania

Litigano in un bar e pestano un ragazzo: arrestati due albanesi

da sin. Sefa e PerraMARCIANISE. La scorsa notte i carabinieri della compagnia di Santa Maria Capua Vetere hanno tratto in arresto due albanesi, Armant Sefa, 33 anni, residente a Marcianise, ed Emerland Perra, 28 anni, senza fissa dimora, per tentato omicidio ai danni di un 25enne marcianisano, Z.A..

I due stranieri, presso un distributore di benzina situato in via Martin Luther King, a Marcianise, si sono resi protagonisti di una violenta lite dovuta a futili motivi. Secondo quanto ricostruito dai militari della locale stazione, in collaborazione con il nucleo operativo, già nella serata di sabato avevano avuto una discussione con il titolare di un bar sito nei pressi del distributore che li aveva ripresi perché, ubriachi, infastidivano gli avventori nel locale.

Dopo questa preliminare diatriba, i due promettevano al titolare con tono minaccioso che sarebbero ritornati la sera successiva, cosa che realmente è accaduta. Anche domenica sera, infatti, era iniziato un forte scontro verbale tra il titolare e i due albanesi, però questa volta la lite sfociava in un’aggressione a Z.A., amico e dipendente del titolare del bar, che si era posto in difesa del barista. Gli stranieri lo colpivano ripetutamente con un’arma da taglio ed un bastone di acciaio, tanto che il ragazzo giungeva presso l’ospedale di Marcianise in stato comatoso per le percosse subite e per tre coltellate, due all’addome ed una alla testa. Le condizioni apparivano subito gravi anche se poi durante la notte l’emergenza rientrava e la vittima, rifiutando il ricovero, veniva rilasciata con l’obbligo di continuare le terapie necessarie presso il proprio domicilio.

Le immediate ricerche, supportate anche dalle numerose testimonianze di alcuni giovani presenti al momento dell’aggressione, permettavano poco dopo di bloccare a Marcianise, in via Gandhi, Sefa a bordo di autovettura Audi A3, all’interno della quale venivano rinvenuti indumenti macchiati di sangue nonché il bastone di acciaio utilizzato poco prima per colpire la vittima. Sefa, all’atto del fermo, ammetteva quasi immediatamente la propria colpevolezza e indicava anche un’abitazione in cui poter rintracciare un altro suo complice, Perra, che effettivamente si era nascosto proprio dove indicato dal connazionale. I testimoni, successivamente chiamati in caserma, riconoscevano gli aggressori, l’auto da loro utilizzata per la fuga e il bastone d’acciaio usato per l’atto violento. Sono ancora in corso indagini al fine di identificare ulteriori complici.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico