Italia

Scuola, Gelmini: “Le solite proteste di ogni anno”

Mariastella Gelmini ROMA. “Non ricordo un anno scolastico che non sia stato accompagnato da una serie di polemiche e proteste”.

Così il ministro dell’istruzione Mariastella Gelmini ha risposto ai cronisti che le chiedevano un commento sulle proteste dei precari, non ultima quella di ieri allo Stretto di Messina. “Rispetto – ha detto il ministro che oggi ha inaugurato l’anno nella sezione scuola del Policlinico Gemelli a Roma – tutti coloro che protestano. Credo che questo non sia comunque il primo anno che accade”.

Sulla questione dei precari, il ministro ha ribadito di aver già risposto, “dopo di che – ha aggiunto – voglio sottolineare che quest’anno la scuola mette al centro gli studenti e non gli interessi corporativi. È fondamentale il diritto dei ragazzi ad avere una scuola di qualità indipendentemente dal loro ceto sociale e dalla regione di appartenenza”.

L’anno scolastico, ha assicurato il ministro, partirà regolarmente. “Proprio ieri – ha spiegato – abbiamo effettuato un controllo con gli uffici scolastici regionali e riteniamo che l’anno scolastico possa essere avviato in maniera regolare. Tutte le immissioni in ruolo sono state fatte così come le supplenze sono state assegnate. Per quanto riguarda i precari sono stati siglati gli accordi con le Regioni. Il lavoro oneroso che si compie tra fine agosto e i primi di settembre è stato completato nel migliore dei modi”.

In ogni caso, ha fatto notare Gelmini riferendosi alla scuola superiore, “il governo ha predisposto questa riforma ma la sfida deve essere raccolta innanzitutto dagli insegnanti perchè a loro tocca l’onere di applicarla e di collaborare per rendere la scuola davvero un’istituzione eccellente”. “Occorre restituire a questa realtà che credo sia uno degli elementi unificanti del paese – ha poi sottolineato – la giusta considerazione e il giusto valore. Oggi la sfida è degli insegnanti”.

CASO ADRO. Alla Gelmini è stato chiesto anche un commento sull’apposizione del “sole delle Alpi”, uno dei simboli della Lega Nord, sull’edificio della scuola di Adro, nel Bresciano. “Coloro che hanno polemizzato contro il sindaco di Adro – ha detto il ministro . dovrebbero farlo anche le molte volte che ci sono simboli della sinistra che entrano nelle aule. È molto più facile che si verifichino queste situazioni piuttosto che trovare simboli della Lega”. Comunque il ministro ha ribadito che la scuola va tenuta “fuori da polemiche politiche. Prendo atto che il sindaco di Adro ha specificato che il simbolo è stato usato non perchè della Lega, ma perchè appartenente all’iconografia del Comune”.

INIZIA L’ANNO SCOLASTICO. Oggi la maggior parte degli otto milioni di studenti italiani è tornata in classe: dopo l’avvio anticipato in Trentino, la campanella suonerà in nove regioni e nella provincia di Bolzano. La giornata, con l’avvio della riforma che riguarderà circa 600 mila studenti delle superiori, è stata definita “storica” dalla ministra Gelmini.

PROTESTE E FLASH MOB. Ma il nuovo anno scolastico parte tra le polemiche: dopo che ieri migliaia di precari del Sud hanno bloccato gli imbarcaderi sullo stretto di Messina, gli studenti hanno annunciato per oggi proteste e flash mob. L’Unione degli studenti ha assicurato che si mobiliterà con volantinaggi e e sit in per tutta la settimana davanti alle scuole italiane. “Non daremo tregua a questo governo – dichiara Monica Usai dell’Unione – saremo in prima linea contro i tagli agli organici e al piano di offerta formativa, per opporci all’idea della Gelmini di una scuola svuotata di senso, fabbrica di precarietà e individualismo. Chiediamo più investimenti e forme di protezione sociale nello studio e nel lavoro, a partire da una legge quadro nazionale sul diritto allo studio che in Italia ancora manca”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico