Italia

La madre di Denise scrive ai capi di stato europei

Denise PipitoneMARSALA. A sei anni dalla scomparsa di Denise Pipitone, la madre della piccola non si arrende e continua la sua battaglia inviando una lettera ai 27 capi di Stato dell’Unione Europea.

Piera Maggio chiede una task force internazionale per le ricerche dei minori scomparsi e l’individuazione di linee guida e iniziative internazionali in collaborazione con i media, in modo da contrapporsi ai rapimenti di bambini.

Il prossimo 26 ottobre la piccola compirà 10 anni. Piera Maggio non ha mai smesso di cercare la figlia e di sperare di riabbracciarla, tenendo desta l’attenzione sul caso e sollecitando una norma che punisca severamente i responsabili di sequestro di minori.

La donna questa voltasi rivolgeai capi Ue e chiede loro di”interpretare il senso dell’Unione europea come quella straordinaria coesione” che permette di vedere in loro i suoi rappresentanti e non “quelli di una nazione straniera”. La signora Maggioauspica che tutti i bambini siano considerati “intoccabili” e che “nessuno possa rapire un bambino in Polonia perchè sarebbe cercato in Francia come se fosse un bambino francese e viceversa”. Tutto ciò per realizzare interventi “mirati” su larga scala, evitando la frammentazione territoriale delle ricerche che di fatto ne impedisce in molte circostanze un esito positivo.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico