Cesa

Punto Pdl, Guarino nominata presidente provinciale

Stella GuarinoCESA. L’avvocato Stella Guarino, capogruppo del Pdl in Consiglio comunale è stata nominata presidente provinciale per Caserta dell’associazione “Punto Pdl. Difensore Civico della Libertà”.

Dal Movimento Femminile Regionale Azzurro del Pdl, coordinato da Clorinda Boccia Burattino, è proposto il Progetto della Associazione Regionale Punto Pdl Difensore Civico della Libertà che nasce, con l’approvazione del Coordinatore Regionale Onorevole Nicola Cosentino, dalla consolidata Figura del Difensore Civico della Libertà che opera da diversi anni sull’intero Territorio Campano il cui incarico è affidato solo a Donne.

Si è creata una Rete che si è diffusa in modo capillare sul Territorio Campano ed ha posto in rilievo la capacità Femminile sia sul piano Politico che Sociale. Sono scese in campo tante Donne combattive a favore di una migliore sostenibilità e vivibilità, orgogliose di essere un punto di riferimento per il raccordo tra i cittadini e le Istituzioni tale da creare una sinergia di intenti che mirino ad individuare le soluzioni a tante inadempienze che attanagliano la nostra collettività.

Il Difensore Civico della Libertà è diventato la “voce” di tutti quei cittadini che non hanno la possibilità di porre personalmente le proprie istanze, aprire un dialogo con gli Amministratori che possano concretamente rispondere all’esigenza di migliorare la qualità della vita.

L’associazione Punto Pdl Difensore Civico della Libertà vuole iniziare un concreto percorso di impegno sociale e politico, vuole determinare una assunzione di responsabilità di senso civico e soprattutto una forte predisposizione all’ascolto e al servizio degli altri. L’ascolto deve essere alla base di un vero rapporto con gli altri. E’ necessario che ognuno si senta partecipe dei problemi della Società, si predisponga ad ascoltare le richieste, sia pronto ad offrire il minimo aiuto possibile. L’Associazione si riconosce un ruolo dialettico e interlocutorio all’interno della politica e della gestione della vita pubblica.

Le socie non sono figlie, compagne, madri di sono donne, cittadine come tutti con la propria professionalità, il proprio impegno hanno contribuito e contribuiranno all’organizzazione del connettivo sociale, nei più disparati ambiti e nelle più diversificate sfere socio-culturali. L’Associazione crede nella forza silenziosa delle Donne, nella loro perseveranza e tenacia, nella finalizzazione delle azioni, vuole esortare altre Donne che non sanno o meglio non sanno ancora di avere delle capacità, delle potenzialità e hanno solo bisogno di un minimo di incoraggiamento o di un invito palese. Altro punto di forza della Associazione sarà il “gioco di squadra” che sarà basato sull’amicizia per poter contare su altre Donne e Uomini che combattono per gli ideali, per condividere esigenze, paure, emozioni. Sarà un Gruppo fondata sulla sincerità, senza obblighi e costrizioni, senza privilegi occulti. L’Associazione vuole discutere del periodo critico che stiamo vivendo: crisi economica, mancanza di valori, qualità della vita, saranno trattati tutti gli argomenti. L’accettazione passiva di questo stato di cose non è più possibile. Ognuno darà il proprio contributo e si assumerà le proprie responsabilità che sono costituente elementare della società “civile” a cui apparteniamo. Bisogna infondere fiducia e speranza nella possibilità di poter lavorare per la realizzazione di un futuro sociale migliore, nel quale il benessere del sistema è determinato dal benessere del singolo.

L’Art. 50 dello Statuto del Pdl consente agli associati di dar vita ad una Associazione che abbia come distintivo l’elemento di aggregazione specifiche connotazioni sociali, culturali, professionali, economiche oltre che il comune Progetto Politico per il quale sono costituite. Esse sono promosse da qualunque associato e devono essere costituite da non meno di 30 associati al Popolo della Libertà. Ogni Associazione può scegliere una sua specifica denominazione, che sarà necessariamente preceduta dalla dicitura “Punto PdlL”. La richiesta di ratifica è presentata al Coordinatore Regionale prima che abbia inizio qualsiasi attività. Immediatamente dopo la ratifica viene comunicato ai Coordinatori Provinciali o di grandi Città. La ratifica dell’Associazione, comporta l’adesione da parte di essa e dei suoi associati alla linea politica deliberata dal Popolo della Libertà. Gli associati partecipano alla vita del Movimento.

L’Associazione Regionale Punto Pdl Difensore Civico della Libertà è la prima che viene istituita a livello regionale in Campania. L’Associazione è stata presentata in tutte le Province insieme ai Coordinatori Provinciali presso le Sedi Provinciali. L’Associazione ha un punto di ascolto presso la Sede Regionale tutti i martedì. Ogni 15 giorni presso la Sede Regionale o le Sedi Provinciali saranno organizzati degli Incontri con le Consigliere, le Assessore, le Deputate per affidare loro le istanze raccolte. Tutte le Avvocate, Socie dell’Associazione, costituiranno un Gruppo per formalizzare le istanze da rivolgere ai Deputati o al Governo.

L’Associazione sarà coordinata da 2 Presidenti Regionali (Clorinda Boccia Burattino –Oreste Cuomo) , da 5 Vicepresidenti (1 per ogni Provincia), da un Direttivo formato da 12 persone, 1 Presidente Provinciale, 1 Presidente Cittadino, 1 Presidente per ogni Comune, ogni Presidente avrà un Direttivo formato da 6 persone.

Sabato 25 settembre, alle ore 16.30, presso il Maschio Angioino – Napoli, sarà presentata ai media, con una importante manifestazione, l’Associazione con la partecipazione del Coordinatore Regionaleonorevole Nicola Cosentino, senatore Raffaele Calabro’, onorevole Marcello Taglialatela, onorevole Paolo Russo.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico