Napoli Prov.

Marigliano, precipita dal terzo piano: muore operaio

 NAPOLI. Ennesimo incidente sul lavoro a Marigliano, nel napoletano.Domenico Vecchione è precipitato dal terzo piano di uno stabile in costruzione, in via Mazzini.

L’uomo, 62 anni,lavorava per la ditta di costruzione ‘Ap’ di Marigliano: dai primi accertamenti dei carabinieri non indossava il casco di protezione.E’ morto sul colpo.Stava smontando un’impalcatura e non indossava il casco di protezione. La ditta per la quale lavorava, la ‘Ap’, aveva fatto lavori al solaio dello stabile. Venerdì mattina erano in quattro a lavoro, e si erano recati in via Mazzini solo per smontare l’impalcatura. Secondo gli accertamenti dei carabinieri, tutti i lavoratori risultano regolari. Vecchione viveva a Marigliano: è stato disposto l’esame autpotico della salma mentre il cantiere è stato posto sotto sequestro.

MOCERINO (UDC): “MAGGIORE ATTENZIONE A SICUREZZA CANTIERI”. “L’incidente avvenuto a Marigliano, con l’ennesima vittima sul lavoro, ci deve portare a chiedere maggiore attenzione sui cantieri con il rispetto delle norme di sicurezza ma anche maggiori controlli da parte delle autorità preposte”. Con queste parole, il consigliere regionale dell’Udc Carmine Mocerino commenta la tragica morte dell’operaio di Marigliano. “Quello di oggi si aggiunge alla lunga lista di morti bianche, solo due giorni fa era avvenuto un altro incidente sul lavoro a Grumo Nevano, di fronte alla quale non possiamo più rimanere fermi ma dobbiamo porre in essere tutti gli strumenti idonei per far si che incidenti del genere non avvengano più. Le misure di sicurezza – ha aggiunto – devono essere rispettate e credo che per gli imprenditori inadempienti a tali misure debbano essere presi provvedimenti forti fino alla revoca degli appalti, se necessario per frenare questo stillicidio. Da cittadino – ha concluso Mocerino – prima ancora che da politico di questa regione fortemente legato al territorio vesuviano, le più sentite condoglianze alla famiglia di Domenico Vecchione che vivono in queste ore una tragedia che li segnerà profondamente”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico