Italia

Famiglia Cristiana: “Il metodo Boffo contro chi mette a nudo il re”

l'anticipazione sul sito on line di Famiglia CristianaROMA. Famiglia Cristiana, nel numero in uscita mercoledì, pubblica un editoriale contro “La politica degli stracci” e l’uso dei dossier per “polverizzare gli avversari”.

Un riferimento, nemmeno tanto velato, alla campagnade Il Giornale (quotidiano edito dalla famiglia del premier Silvio Berlusconi) contro i presunti “business immobiliari” del presidente della Camera Gianfranco Fini e al caso chelo stesso quotidiano diretto da Feltri sollevò nei confronti dell’ex direttore dell’Avvenire Dino Boffo. Non a caso, il settimanale dei Paolini scrive: “La clava mediatica (o il ‘metodo Boffo’) contro chi mette a nudo il re è un terribile boomerang, in un Paese che affoga in una melma di corruzione, scandali e affari illeciti”. “Disfattista – continua – non è chi avverte il pericolo e fa appello al senso etico, ma chi è allergico al rispetto di regole e istituzioni”.

Poche settimane fa il settimanale, già in passato molto critico con il governo Berlusconi, era tornato ad attaccare l’esecutivo parlando di “ministri servitori” e di “una concezione padronale dello Stato ha ridotto ministri e politici a esecutori dei voleri del capo”. Editoriale che aveva suscitato le piccate critiche del Pdl, come quella del ministro Gianfranco Rotondi che parlava di “pregiudizio e atto di arroganza”.

Il settimanale sollecita, inoltre, “un’intesa di unità nazionale (e solidale) che restituisca ai cittadini il diritto di eleggersi i propri rappresentanti. Dossier, minacce e ricatti velenosi volano come stracci, in un Italia ridotta alle pezze. Con politici lontani dai problemi delle famiglie, che stentano a vivere, ogni giorno alle prese con povertà e disoccupazione, soprattutto giovanile. Settembre riserverà un brusco risveglio. La ripresa è debole, soggetta alla pesante concorrenza dei nuovi mercati dell`Estremo Oriente. A scuola, anche quest`anno, la campanella suonerà a vuoto per decine di migliaia di docenti precari”.

“Il Paese che si avvia a celebrare l’Unità d’Italia – prosegue Famiglia Cristiana – è stufo di duelli, insulti e regolamenti di conti. Una politica responsabile, che miri al bene comune, richiederebbe oggi, da tutti, un passo indietro, prima che il Paese vada a pezzi, e un’intesa di unità nazionale (e solidale) che restituisca ai cittadini il diritto di eleggersi i propri rappresentanti”.

Anche la questione morale, secondo il settimanale,è ormai “arma di contesa”. “Dalla politica ‘ad personam’ – scrive -siamo al ‘contra personam’. Ma la giusta esigenza di chiarezza vale per tutti. Sia per chi ha la pagliuzza che per chi ha la trave nell’occhio”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico