Caserta

Rapina in via Borsellino: arrestato il complice di Romano

Luigi RomanoCiro TuccilloCASERTA. Gli agenti della sezione antirapina della squadra mobile di Caserta, diretta dal vicequestore Angelo Morabito, hanno tratto in arresto Ciro Tuccillo, 22 anni, di Aversa, con l’accusa di aver rapinato un minorenne di uno scooter e del telefono cellulare.

Il provvedimento è stato emesso dal gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, Giovanni Caparco, su richiesta del sostituto procuratore Manuela Persico, e segue l’arresto, lo scorso 7 luglio, di Luigi Romano, 29 anni, di Afragola (Napoli).

L’episodio è avvenuto a Caserta, in via Borsellino, nella serata dello scorso 27 giugno, intorno alle 23. La vittima, M.L., 17 anni, mentre si intratteneva a chiacchierare con una coetanea via Borsellino, veniva avvicinata da due sconosciuti a bordo di un ciclomotore. Il passeggero, disceso dal mezzo ed impugnata una grossa pistola semiautomatica, si avvicinava ai due malcapitati intimando loro di consegnargli quanto in loro possesso. Il minore, mentre il rapinatore armato si impossessava del suo motociclo, nel cui bauletto erano stati riposti il casco ed il cellulare, chiedeva però di lasciar stare la ragazza, cosa che irritava il secondo malfattore che lo colpiva violentemente al volto con un pugno. Gli aggressori, poi, si allontanavano velocemente in direzione di via Laviano.

Immediatamente venivano avviate le indagini dalla squadra mobile che, in pochi giorni, anche attraverso l’ausilio di attività tecniche, individuava il possessore del cellulare rapinato. Sulla scorta delle dichiarazioni di quest’ultimo, si risaliva a Luigi Romano, carpentiere, presso la cui abitazioneveniva effettuata una perquisizione domiciliare a seguito della quale venivano sequestrate due pistole giocattolo, repliche perfette di semiautomatiche “Beretta” calibro 9×21, ed un passamontagna. Un ulteriore e decisivo indizio veniva fornito dalla vittima che riconosceva senza ombra di dubbio Romano come il malfattore che impugnava la pistola in occasione della rapina.

Ora viene acciuffato il suo complice, Tuccillo, rintracciato ad Afragola e assegnato agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

Nella foto in alto, da sin. Romano e Tuccillo; sotto le armi e il passamontagna sequestrati in casa di Romano

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico