Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

Casapesenna, da Fare Ambiente un appello ai cittadini

 CASAPESENNA. Il gruppo “Fare Ambiente” di Casapesenna lancia un appello a quanti vogliono aderire al sodalizio ambientalista.

Stiamo cercando di creareungrande gruppo di Fare Ambiente Casapesenna. La storia ci insegna che quando gli uomini si riuniscono in nome della sopravvivenza, producono un’energia e una capacità di affrontare le difficoltà molto forte. In un gruppo di persone accomunate dallo stesso disagio e dal desiderio di stare bene, aiutando altri a raggiungere il loro benessere, si sviluppa lo spirito di gruppo, che diventa un riequilibratore per tutti i partecipanti, una sorta di saggezza del gruppo. Diventa uno strumento importante per la crescita, in sé racchiude molte esperienze di vita e si manifesta quando i partecipanti si sentono in sintonia e alla pari, al sicuro da ogni giudizio. E’ quindi molto importante credere nello spirito di gruppo. Gli indiani d’America si riunivano in gruppo per decidere le sorti della loro gente, venivano ascoltati tutti e le decisioni venivano accettate da tutti. Credevano che il grande spirito parlasse loro attraverso il gruppo. Chi avesse già frequentato gruppi che si occupano di storie umane, avrà gia sperimentato quanto sto dicendo. In passato aver sottovalutato lo spirito di gruppo è stato per me motivo di dolore.

A volte si partecipa senza essere realmente presenti, magari criticando in privato l’operato del gruppo, facendo pettegolezzo, creando in chi ascolta una corrente denigratoria che, nel tempo, mina alla base questo grande strumento che ci viene offerto. Io vorrei trasmettere in tutti voi un sentimento di attenzione nei confronti del gruppo ed il coraggio di dire sempre quello che pensate, con generosità e sottolineo questo aspetto, perché donare ciò che viene dal cuore e non dalla mente è un atto di generosità e la garanzia che il seme della di scordia non vive tra noi. Lasceremo da parte simpatie e antipatie, sacrificando il nostro giudizio allo spirito di gruppo, impareremo con il tempo che per avere rispetto bisogna prima rispettare, che se si vuole essere ascoltati dobbiamo imparare ad ascoltare, e che se si vuole essere amati dobbiamo imparare ad amare. La critica è costruttiva solo se abbiamo un’idea migliore, altrimenti la critica fine a se stessa produce malessere e discordia, mettendo il gruppo in pericolo.

 Il gruppo nel suo insieme nasce e vive anche grazie ai nuovi arrivati, perciò ogni volta che c’è qualcuno di nuovo, ci sentiremo grati, dimostrando, con la solidarietà, il piacere che sia con noi per camminare insieme e ascoltando con rispetto ogni testimonianza. Ricordiamoci di non dare mai consigli: rammentate l’effetto che i consigli avevano su di voi e quanto vi hanno infastidito? La parola d’ordine è testimoniare e non dare consigli.Quando assumeremo un ruolo all’interno del gruppo, qualsiasi esso sia, ci sentiremo al servizio del gruppo e grati per questa opportunità di essere utili; poi a rotazione è auspicabile che tutti facciano dei servizi in base alle proprie qualità e al tempo che possiamo mettere a disposizione. Noi siamo pionieri, piantiamo le tende su un terreno inesplorato, non sappiamo quanti vorranno unirsi per gettare le basi affinché ogni introverso non sia visto come una minaccia, ma come un patrimonio.

Perciò è importante comprendere che il gruppo è molto di più della somma dei suoi membri, è lo strumento creato da noi per arrivare dove il singolo non può arrivare, è la giusta tensione che ci manca affinché il cuore suoni la sua melodia. Sarà lo strumento per informare chi non ci conosce, sarà un caldo rifugio per chi lotta contro la solitudine e l’abbandono, sarà il nostro momento di pausa per abbracciare noi stessi, sarà la via che ci condurrà al nostro cuore, dove siamo attesi per essere finalmente riabbracciati. Affinché il gruppo diventi tutto ciò, ci impegneremo a sacrificareil nostroessere singolo, per far nascere lo spirito di gruppo, l’unico in grado di vedere oltre la nostra soggettività, e insieme a tutti i componenti, senza minimi o massimi, ma alla pari, daremotutti il nostrocontributo”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico