Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

Casapesenna, approvato Piano gestionale di sviluppo

Fortunato ZagariaCASAPESENNA. Il Consiglio comunale di Casapesenna ha appena approvato il piano gestionale di sviluppo.

Il Pgs è uno strumento di pianificazione e controllo che è previsto e disciplinato nell’ambito della gestione finanziaria dell’ente. Come da D.Lgs. 267/2000 art. 165, “ è il complesso coordinato di attività, anche normative, relative alle opere da realizzare e di interventi diretti d indiretti, non necessariamente solo finanziari, per il raggiungimento di un fine prestabilito”.

“Assume, pertanto, – così lo spiega l’assessore ai Tributi, Raffaele Cangiano – la funzione di programmazione pluriennale che costituisce la linea di unione tra i documenti di natura puramente politica, come il programma elettorale del sindaco e le linee di mandato, e gli strumenti tradizionali come il bilancio annuale e pluriennale”. IL Pgs, insomma, da risalto agli ambiti di intervento, agli obiettivi ed ai principi che l’amministrazione si è prefissa nei cinque anni del proprio mandato. Ricapitolando: si va dal programma di mandato al piano strategico e al piano generale di sviluppo: che comprende fabbisogno finanziario strutturale, margine di risorse aggiuntive per lo sviluppo, investimenti e opere da realizzare, disponibilità di mezzi straordinari, capacità di indebitamento, rispetto del patto di stabilità.

Il Pgs è stato strutturato individuando le seguenti linee di intervento: ambiente, sport e cultura; servizi sociali – associazionismo e volontariato; lavori pubblici; mappatura informatica dell’Edificio, macchina comunale – finanza e tributi – assessorato alla quotidianità; sanità; attività produttive e sviluppo urbanistico; settore agricoltura; scuola ed Istruzione. Per ogni linea di intervento sono stati stabiliti valori fondamentali, obiettivi generali, obiettivi specifici, strumenti.

Nell’ordine: Per l’agricoltura: valorizzazione e risanamento dell’ambiente; sensibilizzazione della coscienza cittadina; ottimizzazione della raccolta differenziata, risparmio energetico, utilizzo di fonti energetiche rinnovabili, riqualificazione del traffico all’interno dei centri abitati.

Per lo sport e cultura: integrazione giovanile e prevenzione alla dispersione e devianza giovanile; miglioramento e sviluppo dei luoghi di aggregazione tra i cittadini; riqualificazione impianto sportivo e sua gestione efficiente, affidamento della struttura sportiva alle associazioni locali.

Per i servizi sociali: sviluppo di cultura aperta verso “l’altro” e solidarietà sociale; aumento e miglioramento dei servizi ai cittadini, specie anziani e disabili, abbattimento barriere architettoniche e valorizzazione associazionismo locale; assistenza domiciliare, programmi di cure termali, soggiorno vacanza per anziani; disponibilità locali per attività ricreative.

Per i lavori pubblici: riqualificazione del territorio, miglioramento della vivibilità e della sicurezza pubblica; piani di recupero urbanistico, priorità degli interventi, compatibilità ambientale, razionalizzazione e contenimento della spesa pubblica; realizzazione pubblica illuminazione lungo la variante, realizzazione di una pista ciclabile, miglioramento segnaletica e viabilità, rifacimento strade interne, potenziamento rete idrica, completamento rete fognaria, ampliamento cimitero, completamento area PIP, completamento parco urbano, promozione di impianti fotovoltaici su edifici pubblici e industriali, miglioramento e messa in sicurezza delle strutture scolastiche.

Per la macchina comunale: sviluppo e diffusione del principio di buona amministrazione, semplificazione e trasparenza gestionale; recupero della fiducia dei cittadini verso l’ente comunale; modernizzazione dell’ente comune e maggiore interazione amministrazione/cittadinanza; assessorato alla quotidianità, sportello ai cittadini, riordino e riorganizzazione dei servizio tributi, sportello Informagiovani, attivazione corsi di formazione professionale.

Per la sanità: welfare locale e servizi alla persona; miglioramento e potenziamento dell’assistenza domiciliare e infermieristica; incrementi servizi sanitari (sezione distaccata Asl); programma educazione sanitaria all’uso corretto dei farmaci nelle scuole.

Per le attività produttive: rafforzamento identità territoriale; realizzazione di un asse di sviluppo artigianale e commerciale con i comuni limitrofi di San Marcellino e Trentola Ducenta; riqualificazione del territorio agricolo; accordi di reciprocità con i comuni confinanti e regione, tavoli di concertazione tra comune e provincia per risolvere problematiche relative alle opere abusive. Per l’agricoltura: promozione delle attività agricole del territorio; sviluppo aziende agricole; miglioramento viabilità rurale.

Per la Scuola ed istruzione: sviluppo di una scuola interattiva col territorio; miglioramento del rapporto tra comune e istituzione scolastica; dare visibilità locale e regionale all’ente scuola; progetto istituzione Consiglio comunale ragazzi, progetto legalità, progetto sicurezza, progetto “riscopriamo la nostra storia e le tradizioni, progetto innovazione tecnologica e computer, concorso annuale regione Campania per il miglior giornale scolastico.

Si tratta, come si può notare, di un ricco programma di cose da fare, sulla cui realizzazione il sindaco Fortunato Zagaria non ha dubbi: “Il Piano gestionale di sviluppo è sì previsto dalla legge ma per noi è semplicemente la bussola del nostro cammino amministrativo: siamo certi di poter realizzare tutto quanto previsto, così come abbiamo fatto in questi anni e nelle mie precedenti legislature”.

Cangiano commenta: “Non mancheremo di esplorare tutte le vie possibili di reperimento di risorse idonee al raggiungimento e all’attuazione delle nostre proposte. Nell’interesse primario dei nostri concittadini che vogliono fortemente crescere, vivere meglio, essere fieri di appartenere a Casapesenna”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico