Sessa Aurunca - Cellole

Centrale Garigliano, Di Meo: “Scongiurato il pericolo nucleare”

Luciano Di Meo SESSA AURUNCA. Era presente anche il sindaco Luciano Di Meo al tavolo dell’Associazione Nazionale Comuni Italiani che si è tenuto a Roma, in cui si è parlato, tra l’altro, del problema delle centrali nucleari, dell’individuazione dei siti per la costruzione di nuovi reattori e del deposito nazionale di scorie radioattive.

“Il direttore generale del ministero delle attività produttive per lo sviluppo economico, Sara Romano – dichiara il sindaco – ha manifestato l’intenzione di non perseguire la strada di Sessa come eventuale presidio nucleare o deposito nazionale di scorie radioattive. All’alba di una nuova stagione nucleare, come programmato dall’attuale governo, questo ‘no’ alla costruzione di siti nucleari e di un deposito nazionale di scorie radioattive nella zona del Garigliano ripaga la ferma opposizione dei cittadini, delle associazioni e dei sindaci dell’Alto Casertano e dell’area sud Pontina. Voglio sottolineare – prosegue Di Meo – che il nostro territorio e la popolazione hanno già pagato un prezzo alto per la presenza della dismessa centrale nucleare del Garigliano”.

Nel corso dell’incontro, inoltre, i Comuni che ospitano presidi nucleari, in collaborazione con gli avvocati dell’Anci, hanno espresso la volontà di presentare ricorso contro lo Stato per recuperare i rimborsi compensativi stanziati nel 2003 dal ‘decreto Scanzano’ e poi decurtati del 70% annuo, a partire dal 2005. A questo proposito il sindaco di Caorso (uno dei quattro siti nucleari, insieme al Garigliano, Trino Vercellese e Latina), Raffaele Callori, incontrerà entro la fine di luglio gli avvocati dell’Anci per verificare la possibilità di intraprendere l’iniziativa.

Altra novità della riunione è che il comune di Sessa, insieme ad altri Comuni, di concerto con il ministero della Salute, le Asl territoriali e le Regioni di competenza, farà parte del tavolo tecnico per gli studi epidemiologici sui presidi nucleari e gli eventuali danni da essi arrecati.

“Ci siamo molto impegnati con i miei colleghi – conclude il primo cittadino – abbiamo fatto diverse riunioni, firmato un documento comune e il 24 aprile abbiamo organizzato una manifestazione di piazza a Sessa Aurunca per ribadire la nostra posizione. Dopo l’incontro al ministero possiamo tutti tirare un sospiro di sollievo perché sembra scongiurato nel nostro territorio il pericolo del nucleare”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico