San Nicola la Strada - San Marco Evangelista

Soldati morti in Afghanistan, De Cillis viveva con la famiglia a San Marco

 Pierdavide De CillisSAN MARCO EV. Fra i due soldati morti mercoledì in Afghanistan, nei pressi di Herat,vi eraPierdavide De Cillis, originario di Bisceglie (Bari) e di stanza a Caserta presso il XXI Genio Guastatori del Battaglione Timavo.

Viveva a San Marco Evangelista, vicino Caserta, con la moglie, una figlia piccola e un’altra in arrivo, che purtroppo non potrà mai vedere.

Gli uomini stavano effettuando alcuni interventi di bonifica della zona ed avevano già neutralizzato un altro ordigno. Nell’esplosione potrebbero essere rimasti feriti anche altri soldati ma la notizia non è ancora stata confermata.I due deceduti sarebbero del 32esimo Reggimento Genio: unoè un sottufficiale, l’altro un caporalmaggiore. Con le vittime di oggi salgono a 28 i militari italiani morti in Afghanistan dal 2004.

“I due militari – spiega lo Stato Maggiore della Difesa – facevano parte della Task Force Genio inquadrata nel contingente italiano in Afghanistan e avevano al loro attivo numerose missioni all’estero durante le quali avevano effettuato un elevato numero di interventi di disinnesco di ordigni esplosivi. Nell’ambito dell’operazione, i due genieri erano inquadrati in un dispositivo composto da 36 militari su 8 veicoli blindati Lince, uno dei quali in versione ambulanza”.

LA NOTA DEL COMANDO. “Due specialisti del genio hanno perso oggi la vita nel corso delle operazioni di disinnesco di un ordigno nella città di Herat – si legge in una nota ufficiale del Comando di Herat – i due militari facevano parte di un team Iedd (Improvised Explosive Device Disposal), specializzato nella rimozione di ordigni esplosivi improvvisati, intervenuto intorno alle 20 locali per il disinnesco di una bomba rudimentale segnalata dalla polizia afgana”. Dopo aver verificato la presenza dell’ordigno, si legge ancora nella nota, “i due militari procedevano con successo alla sua neutralizzazione. Nel perlustrare la zona circostante per accertare l’eventuale presenza di altri ordigni, i due venivano investiti da una forte esplosione che ne causava il decesso”.

VENERDI’ I FUNERALI. L’arrivo a Ciampino delle salme dei due militari è previsto per venerdì mattina alle 9. Successivamente i corpi saranno trasferiti nell’istituto di medicina legale del Policlinico militare del Celio e la camera ardente sarà aperta al pubblico nel pomeriggio, non prima delle 16.Il rito funebre ufficiale si terrà alle 18.30 nella basilica di Santa Maria degli Angeli.

CORDOGLIO IN PARLAMENTO. Il Senato ha osservato un minuto di silenzio in onore delle due vittime. La notizia è stata data dal presidente di turno dell’Assemblea, Vannino Chiti, al quale è stata comunicata dal presidente del Senato Renato Schifani. Anche l’aula della Camera appresa la notizia, ha interrotto i lavori sulla manovra e siè unita nel cordoglio in un minuto di silenzio con tutti i deputati in piedi. Nei brevi interventi, seguiti alla comunicazione del presidente di turno Maurizio Lupi, tutti i gruppi politici hanno chiesto al governo di riferire in parlamento sulla drammatica vicenda.

BERLUSCONI. Quando arrivano queste notizie così drammatiche “ci si domanda se ne vale la pena”. Lo afferma il premier Silvio Berlusconi commentando la notizia. Proprio in queste situazioni, però, aggiunge il presidente del Consiglio, “bisogna rafforzare l’idea che ne vale la pena”. Berlusconi fa le condoglianze alle famiglie delle vittime premettendo che in queste circostanze “le parole non hanno senso, non possono lenire il dolore. C’è solo il fatto di apprezzare chi compie la scelta personale di andare in missione”. “La carriera di un soldato – dice il Cavaliere – espone a certi rischi. Chi è andato in Afghanistan lo ha fatto per scelta personale”. Per il capo del governo, dunque, queste notizie “creano dolore maè giusto fare quello che facciamo”.

IL CORDOGLIO DI ZINZI. “Esprimo profondo cordoglio per la scomparsa del caporalmaggiore capo Pierdavide De Cillis, caduto tragicamente in Afghanistan assieme al maresciallo Mauro Gigli nell’adempimento del proprio dovere”. A dichiararlo è il presidente della Provincia di Caserta, Domenico Zinzi, dopo la morte dei due soldati italiani ad Herat, in Afghanistan, tra i quali Pierdavide De Cillis, originario di Bisceglie (Bari) e di stanza a Caserta presso il XXI Genio Guastatori del Battaglione Timavo. “Alla famiglia di De Cillis, – continua Zinzi – va la vicinanza e l’affetto dell’intera Provincia di Caserta in questo momento di grande dolore”. De Cillis, insieme a Gigli (41 anni di Sassari),sarebbe rimasto vittima di un attentato compiuto con un ordigno artigianale (Ied) piazzato lungo la strada che stavano percorrendo con un blindato. Nell’incidente ha riportato lievi escoriazioni anche il capitano Federica Luciani del 2/o Reggimento Genio Pontieri di Piacenza e si è registrato il ferimento lieve di un civile afghano. Le salme rientreranno in Italia nelle prossime ore.

LA RUSSA RIFERIRA’ ALLE CAMERE. Il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, riferirà giovedì pomeriggio alla Camera dei deputati e a seguire, al Senato, sull’attentato. “Cordoglio e vicinanza” ai familiari dei due soldatisono stati espressi a Montecitorio da Erminio Quartiani, deputato del Pd e membro dell’Ufficio di Presidenza del Gruppo dei Democratici alla Camera. Quartiani ha detto che “la vicenda purtroppo rende non più eludibile la questione della sicurezza dei nostri militari in Afghanistan: per questo chiediamo che il governo riferisca alla Camera sulle condizioni in cui il nostro contingente si trova ad operare”.

LA RUSSA: “PROSSIMI MESI PIU’ PERICOLOSI”. “Questo e il prossimo saranno i mesi più pericolosi» in Afghanistan perchè “l’estate normalmente è il periodo con il maggior numero di attentati”. Lo dice in una intervista al Corriere della Sera il ministro La Russa. Al ministro “particolari errori” non risultano, “il report che ho ricevuto – dice – parla dei rischi connessi ad azioni così articolate”. E la bomba che ha ucciso i due artificieri potrebbe anche “essere stata una trappola. Avevamo a che fare con Ied, quelle bombe chiamate Improvised explosive device. Una di queste era stata messa in condizioni di non nuocere. Pochi minuti dopo ne è esplosa un’altra che non avevamo ancora individuato. Forse è stata azionata con un telecomando, forse no”. “I nostri artificieri – aggiunge La Russa – sono considerati dei maestri” e “azioni terroristiche come questa tendono a colpire le opinioni pubbliche straniere più che i meccanismi in campo”. Per questo la missione italiana continua in modo da arrivare “a fine 2013” a mettere gli afghani “in grado di occuparsi di tante attività, sminamento compreso”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico