Italia

Intercettazioni, manca l’accordo: verso il rinvio a settembre

Giulia BongiornoROMA. I lavori della Commissione Giustizia della Camerasul ddl intercettazioni, ribattezzato dalle opposizioni e da gran parte della stampa “Legge Bavaglio”, slittano nuovamente e sembrano destinati a riprendere a settembre, dopo la pausa estiva.

La seduta di martedì doveva iniziare con il giudizio del governo sui 600 emendamenti presentati dalla maggioranza e dall’opposizione. Ma pochi minuti prima dell’avvio, la comunicazione del rinvio fino al termine dei lavori odierni dell’aula di Montecitorio.

”Ci serve maggiore tempo per scrivere un nuovo emendamento, che tenga conto non solo dei rilievi della maggioranza e dei finiani ma anche dell’opposizione. Nonè semplice”, spiega il sottosegretario alla Giustizia, Giacomo Caliendo. “L’ennesimo slittamento dei lavori della Commissione Giustizia alla Camera dimostra che la maggioranza continua ad avere dei problemi. Vacilla”, commenta il capogruppo Pd in commissione, Donatella Ferranti.

Lo slittamento conferma la difficile ricerca dell’accordo sul testo che deve soddisfare i rilievi sollevati dal presidente della Repubblica, il punto di vista dell’esecutivo e le diverse sensibilità all’interno della stessa maggioranza di centrodestra. Eppure un accordo di massima nel Pdl, che prevedeva il voto favorevole sia agli emendamenti del pidiellino Enrico Costa che a quelli della finiana Giulia Bongiorno (nella foto), lunedì sera era stato trovato, ma resta il problema della norma cosiddetta ‘bavaglio’ che, se non risolto, potrebbe portare a uno slittamento dell’esame del ddl dopo la pausa estiva, a settembre. Ipotesi che, però, Costa smentisce: “Stiamo semplicemente discutendo gli ultimi dettagli sul nuovo emendamento che introduce l’udienza

filtro, per stabilire le parti pubblicabili da quelle segretate”.

Sull’esito il premier Silvio Berlusconi lunedì sera ostentava ottimismo: “Vedrete che ce la faremo”, aveva detto ricordando che tra gli obiettivi del governo c’è anche quello di tutelare la privacy.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico