Gricignano

Il Governo scioglie il Consiglio comunale di Gricignano

 GRICIGNANO. Il Consiglio dei Ministri, nella riunione di venerdì mattina, ha deciso, su proposta del Ministro dell’Interno, Roberto Maroni, di sciogliere il Consiglio comunale di Gricignano di Aversa.

La decisione è stata adottata a seguito della relazione della commissione d’accesso, insediatasidallo scorso 2 novembreper valutare eventuali infiltrazioni della criminalità organizzata nella gestione politico-amministrativa dell’Ente. L’organo,composto dal dottor Vincenzo Lubrano, viceprefetto, dalla dottoressa Immacolata Delle Curti, viceprefetto aggiunto, e dalla dottoressa Paola Mauro, dirigente amministrativo, aveva completato il proprio lavoro alla fine di aprile, sottoponendo la relazione al vaglio della Prefettura e del Ministero dell’Interno. Poi il decreto del governo che sarà promulgato dal presidente della Repubblica.

Nelle prossime settimane saranno rese note le motivazioni. Intanto, la Prefettura provvederà a nominare la terna commissariale che, a questo punto, dovrebbe gestire il Comune per un minimo di 12 e un massimo di 18 mesi, salvo eventuali decisioni del ministero. La scadenza naturale del mandato per l’attuale amministrazione guidata dal sindaco Andrea Lettieri, eletta nel maggio 2006 (per la seconda volta consecutiva, dopo il mandato 2001-2006), era prevista per la primavera del 2011.

LETTIERI: “VALUTEREMO RICORSO”. “Attendiamo le motivazioni, poi valuteremo se presentare ricorso”, è stato il commento a caldo del sindaco Lettieri, il quale ha ribadito che la sua amministrazione, in tutti questi anni, “ha sempre operato nella massima legalità e trasparenza”.

LE ACCUSE DEI PENTITI. La commissione di accesso fu insediata il mese successivo all’avviso di garanzia notificato al sindaco Lettieri per concorso esterno in associazione mafiosa. Il 22 settembre scorso la polizia, su disposizione della Dda, perquisì gli uffici comunali e la sua abitazione privata. Le accuse nei confronti del primo cittadino ed ex assessore provinciale ai lavori pubblici scaturivano a seguito delle dichiarazioni di alcuni collaboratori di giustizia, tra cui Paolo Di Grazia (ex boss di Carinaro) e Michele Orsi (ucciso il primo giugno del 2008 a Casal di Principe). Di Grazia ha parlato di “favori” che avrebbe ricevuto da Lettieri in cambio di voti, in occasione di una campagna elettorale, non ben precisata. Così come Orsi, che avrebbe riferito di “sponsorizzazioni” da parte del fratello Sergio in occasione di altre non ben precisate campagne elettorali.

LA GMC. Il coinvolgimento dei fratelli Orsi è legato alla Gmc, società a prevalente capitale pubblico che si occupava della raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani, il cui braccio operativo era una società, la “Flora Ambiente”, gestita di fatto dagli stessi imprenditori casalesi. All’epoca, era il 2003, il Comune bandì una gara pubblica per trovare il partner privato. La “Flora Ambiente”, che allora aveva regolare certificato antimafia, fu la sola a presentarsi alla gara, aggiudicandosela. Nel 2005, poi, il Comune di Gricignano, a fronte della qualità del servizio divenuta carente, revocò l’incarico concesso alla società mista (per la quale veniva poi avviato l’iter di messa in liquidazione) e rientrò nel consorzio Ce2/GeoEco.

LA DIFESA DI LETTIERI. Lettieri, da parte sua, si è sempre dichiarato assolutamente estraneo a qualsiasi tipo di responsabilità rispetto ad accuse mosse dai pentiti, ritenendole “un tentativo di infangare il fervente operato sin qui compiuto dall’amministrazione comunale e in particolare da tutti gli assessori e i consiglieri che si prodigano con zelo e tenacia per la propria comunità”.Decideva, tuttavia, di dimettersi dal Partito Democratico (“per non far emergere nessun dubbio all’interno di un partito che fa della legalità e della moralità due pietre angolari”) ma non da sindaco perché, sottolineava,”non ho nulla di cui vergognarmi innanzi ai miei concittadini e rispetto alla fiducia da loro concessami poiché nulla di illecito ho commesso”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico