Gricignano

Consiglio, Di Foggia nuovo consigliere. Diretto sul caso “marche da bollo”

Luigi Diretto GRICIGNANO. Giovedì mattina, nell’aula consiliare “Emerico Buonanno”, si è svolta la seduta consiliare con l’unico punto all’ordine del giorno riguardante la surroga del dimissionario Antimo Verde.

A sostituire l’ormai ex consigliere di opposizione è stato chiamato Gennaro Di Foggia, secondo dei non eletti della lista “Alternativa per Gricignano”, in quanto il primo non eletto, Antonio Guida (oggi assessore della giunta Lettieri), subentrò già nell’ottobre 2008 al posto del dimissionario capogruppo ed ex candidato sindaco Carmine Della Gatta. Imprenditore, sesto eletto alle comunali del 2006 con 139 voti, Di Foggia non era presente alla seduta.

Prima dell’avvio dei lavori, il consigliere di opposizione Luigi Diretto (nella foto) ha richiamato la maggioranza sulla mancata risposta all’interrogazione da lui presentata (insieme agli altri colleghi dell’opposizione) sulla vicenda dell’omessa imposta di bollo sui contratti di acquisto dei loculi all’interno del nuovo cimitero comunale. Un caso che ha portato l’Agenzia delle Entrate ad inviare ai cittadini un avviso di pagamento e per il quale l’amministrazione comunale ha presentato denuncia alle forze dell’ordine. “Quell’interrogazione – ha spiegato Diretto – risale allo scorso 11 maggio e da allora non abbiamo ricevuto alcuna informazione in merito. Chiediamo, dunque, il rispetto delle norme previste dai regolamenti comunali in materia di diritto di informazione e accesso agli atti amministrativi”.

L’INTERROGAZIONE. “Siamo venuti a conoscenza, tramite istanze dei cittadini, – scrivevano gli esponenti della minoranza consiliare nell’interrogazione – che l’Agenzia delle Entrate di Aversa ha notificato, al Comune e ai cittadini stessi, un avviso di pagamento, con aggravio di sanzioni e spese di notifica, per l’omissione ed evasione dell’imposta di bollo sui contratti di concessione delle edicole cimiteriali. I contratti redatti presso gli uffici del Comune di Gricignano dal segretario comunale nel periodo di giugno 2009 sarebbero quindi pervenuti alla registrazione dell’Agenzia delle Entrate completamente mancanti della dovuta imposta di bollo come per legge. Ci risulta, inoltre, che già nel novembre del 2009 l’Agenzia delle Entrate comunicò all’Ente che aveva riscontrato delle anomalie sui contratti portati alla registrazione delle edicole e dei loculi cimiteriali. I cittadini ci informano che al momento della sottoscrizione del contratto, alla presenza del segretario comunale e di un funzionario comunale, hanno prodotto la documentazione richiesta allegando alla stessa anche i bolli originali come per legge”. I consiglieri, pertanto, chiedevano “di conoscere la descrizione dell’accaduto e la posizione dell’Ente; se ci sono state da parte del sindaco e del segretario comunale eventuali denuncie e/o segnalazioni ad Enti preposti; di ricevere una copia della comunicazione che l’Agenzia delle Entrate di Aversa ha inviato nel mese di novembre 2009 o altre inerenti pervenute precedentemente o successive a quella di novembre 2009”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico