Esteri

Marea Nera anche in Cina: la macchia raggiunge 180 km quadrati

 Non bastano le preoccupanti notizie provenienti dal Golfo del Messico e dalla Louisiana, dove si registrano i primi problemi al super tappo che doveva porre fine alle perdite di petrolio, ora anche dalla Cina arriva la notizia di un disastro ecologico simile a quello della Bp.

Venerdì, infatti, due oleodotti della compagnia petrolifera statale sono esplosi nella città portuale di Dalian, nel nord-est del Paese. L’incendio che si è scatenato dopo l’esplosione è stato spento soltanto dopo 15 ore, per fortuna senza che si registrassero morti o dispersi.

La notizia peggiore, però, è quella concernete l’impatto ambientale dell’esplosione. Nonostante il governo cinese stia cercando in ogni modo di non far trapelare la notizia, il petrolio continua a fuoriuscire e a inquinare il Mar Giallo: le prime stime, ovviamente non ufficiali, parlano di una macchia nera di 180 chilometri quadrati che rischia addirittura di raggiungere le acque internazionali. Proprio per scongiurare questo pericolo, la Cina ha già varato un piano d’emergenza, basato su decine di imbarcazioni specializzate nel recupero di petrolio e pure un migliaio di pescherecci privati, i quali hanno ricevuto l’ordine di partecipare all’operazione.

Intanto, le poche notizie ufficiali che si hanno sono quelle della televisione ufficiale cinese Cctv, i cui servizi parlano di una vittoria sulla fuga di petrolio: tutti i focolai sarebbero stati spenti e anche la macchia nera sarebbe stata ridotta sensibilmente. Mancano, ovviamente, le controprove, anche perché gli operatori di Greenpeace che stavano fotografando gli effetti delle perdite di petrolio sono stati immediatamente allontanati. Inoltre sembra che gli operai al lavoro per risolvere l’emergenza siano in gravi difficoltà, come testimonia il salvataggio diun uomo che stava fissando una pompa subacquea, il quale ha rischiato di annegarenella marea nera. Probabilmente solo lo sconfinamento del liquame in acque internazionali costringerebbe il governo cinese a far luce su questa vicenda; ma è una eventualità da non auspicare.

La stampa di Hong Kong sostiene che mercoledì si è avuta la prima vittima della lotta contro l’onda nera, un giovane pompiere affogato mentre cercava di rimettere in funzione una pompa sottomarina che era stata danneggiata.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico