Esteri

Afghanistan, ritiro truppe dal 2011. Clinton “E’ inizio di nuova fase”

Karzai e ClintonKABUL. A Kabul si è aperta la conferenza internazionale dei Paesi donatori e il segretario di Stato americano Hillary Clinton ha detto che la data di luglio 2011, fissata dal presidente Barack Obama per l’avvio del ritiro delle truppe americane, …

…”è l’inizio di una nuova fase e non la fine del nostro impegno”. La Conferenza appoggia il piano del governo afgano di far assumere “alle sue forze di sicurezza la responsabilità delle operazioni militari in tutte le province del Paese entro la fine del 2014”.

Clinton ha detto inoltre che la comunità internazionale non dimenticherà le donne afgane. Il ministro degli Esteri Usa e l’Alto rappresentante per la Politica estera dell’Unione europea, Catherine Ashton, hanno spiegato alle leader femministe a Kabul che l’occidente non consentirà che l’Afghanistan ritorni all’epoca del regime dei talebani. “Questo è un mio impegno personale”, ha detto Clinton rivolgendosi a un gruppo di circa quindici attiviste per i diritti umani. La pace in Afghanistan, ha aggiunto, “non può arrivare a spese delle donne e delle vite delle donne”.

Il presidente afghano Hamid Karzai ha detto che il Paese si prepara “ad assumere le responsabilità della sua sicurezza all’orizzonte del 2014” e ha chiesto alla comunità internazionale di “appoggiare il nostro piano di reintegrazione e riconciliazione. Noi vogliamo convincere a unirsi a noi quegli oppositori che accetteranno di rispettare la Costituzione e romperanno i loro rapporti con Al Qaeda”, ha aggiunto il capo di Stato afgano. Il governo di Kabul ha presentato i progetti ministeriali di cinque settori (sviluppo economico e rurale, valorizzazione delle risorse umane, governance, sicurezza e infrastrutture) su cui chiede ai Paesi donatori di far convergere le risorse già stanziate. L’ambizione del governo è di ottenere dalla comunità internazionale che almeno il 50% di quegli aiuti nei prossimi anni (13 miliardi di dollari) siano convogliati attraverso le casse dello Stato.

Il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon, ha sostenuto che “con questa conferenza abbiamo segnato l’autentico inizio della transizione in Afghanistan”. Il massimo responsabile delle Nazioni Unite ha rivolto anche un appello agli afgani “a unirisi, a lavorare insieme, nel mutuo rispetto e per la sovranità del governo. Avete sofferto molto e ora è il momento di costruire insieme un nuovo Paese”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico