Caserta

Tarsu, Brancaccio: “La maggioranza ha obbedito al padrone”

da sin. Zinzi e BrancaccioCASERTA. “C’erano tutte le condizioni giuridiche, economiche e politiche per portare la tassa sui rifiuti a 99 euro, ma, gli esponenti della maggioranza, per obbedire al padrone di corso Trieste, hanno deciso di non votare il mio emendamento, assumendosi la responsabilità di tartassare i cittadini casertani”.

E’ duro il commissario e consigliere provinciale di Popolari per il Sud Angelo Brancaccio dopo quello che è successo nel consiglio di venerdì. “La cosa che mi fa più rabbia è che, anche molti sindaci, tranne Di Santo, derogando alla loro funzione di tutela nei confronti dei cittadini – ha spiegato Brancaccio – hanno ratificato il provvedimento di Zinzi. C’erano le condizioni per portare la tassa a 98-99 euro a tonnellata, così come proposto dall’avvocato Stellato e dai gruppi di minoranza, a cui va tutto il mio plauso per essersi sostituiti alle forze di governo e aver portato all’attenzione dell’assise il problema. Dopo l’irresponsabile voto contrario al mio emendamento, i consiglieri di maggioranza hanno ratificato l’aumento dell’imposta del 40% che costringerà tutte le famiglie casertane a pagare 138,09 euro a tonnellata”.

Brancaccio ha intenzione, dopo quello che è successo, di avviare una campagna d’informazione nei singoli Comuni per far capire ai cittadini casertani, se si trovano a pagare un’imposta iniqua, di chi è la colpa. “Chiederò copia della delibera di consiglio e la invierò a tutti i sindaci, tranne quelli che, con il loro voto contrario al mio emendamento, hanno determinato questo disastro – ha spiegato – per far capire di chi è la colpa e per mettere a conoscenza di tutti delle tante promesse, a mio giudizio irrealizzabili, fatte dal presidente e dall’assessore Arena. Tra dieci mesi, dovremmo aver risolto il problema del percolato, avere nuovi impianti in modo da non mandare in sofferenza la nostra provincia nelle operazioni di smaltimento dei rifiuti. Io credo invece, che avremo solo una tassa più alta. Mi auguro di sbagliare. Comunque acquisirò e farò consegnare a tutte le amministrazioni copia di quell’oracolo approvato in consiglio, in modo che tutti, avranno ben presente cosa è stato promesso e cosa sarà realizzato. A costo di inviare una raccomandata a tutti i casertani, farò la stessa cosa con i cittadini. E’ giusto che anche loro sappiano da chi sono amministrati”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico