Teverola

Zacchia (MpT): “Si pensa al ricorso. Ma i problemi della città?”

Antonio ZacchiaTEVEROLA. L’esponente del Movimento per Teverola, Antonio Zacchia, interviene sull’attuale situazione politica, in particolare sul ricorso presentato dall’opposizione contro il sindaco Biagio Lusini.

“Tutti i riflettori sono puntati sulla posizione dell’attuale sindaco e si è in attesa della sentenza da parte del Tar Campania circa il ricorso presentato dal ‘Patto per Teverola’ relativo a presunte irregolarità sul diritto di voto del sindaco. Fiumi di parole da parte di politicanti locali ma nessuno ha rappresentato la situazione reale di Teverola. Si trama nell’ombra, si tessono nuove tele, è il solito comportamento dei politicanti cittadini che cercano sempre di servirci il buono ma in sostanza sono sempre gli avanzi. A Teverola i conoscitori della ‘legge’ già hanno predetto le sentenze e hanno tirato le somme. Diversi politicanti, dopo incontri furtivi, in locande segrete, si mettono d’accordo sulle future alleanze. Nei comitati esistenti e frantumatisi, le ‘new entry’, con l’astuzia di un ‘vecchio volpone’, cercano di rimpiazzare il leader. Il Pdl si ricompatta, per non ritrovarsi impreparato, richiamando a sé i ‘cavalli di razza’ che nell’ultima tornata elettorale hanno fatto ben valere il ‘Patto’, e ne invitano altri”.

“Il ‘Movimento per Teverola’, – continua Zacchia – dopo il forfait del candidato a sindaco della famosa e inaspettata ‘terza lista’ che ha aderito al nuovo ‘Patto per Teverola’, non ha subito alcun cambiamento, anzi all’organizzazione civica stanno aderendo molti cittadini, professionisti, giovani, estranei ai tradizionali schieramenti politici, con l’auspicio che le proposte di altri comitati siano veramente unione, ma di gente onesta e seria. Intanto tutti hanno dato il via ai preparativi per nuove elezioni. Nessuno ha fatto i conti con gli elettori, stanchi e arrabbiati, perché quelli che ci rimettono sono sempre loro, i ‘passeggeri di terza classe’, quelli che pagano per tutti i malanni da questo sistema”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico