Sant’Arpino

Savoia attacca la maggioranza: “Approssimativi e inconcludenti”

Giuseppe Savoia SANT’ARPINO. Dieci i punti all’ordine del giorno della seduta del Consiglio comunale svoltasi nella sala “Pezzella”, tra i quali il riconoscimento di debiti fuori bilancio e l’approvazione del bilancio pluriennale.

Inoltre: conto consuntivo 2009, sostituzione componenti commissioni consiliari, approvazione regolamenti vari, dal servizio noleggio autovettura con conducente all’adozione dei cani, dal funzionamento della commissione di vigilanza sui locali di pubblici spettacoli a quello per la concessione in uso di locali comunali. Infine, la trasformazione giuridica del “Comitato per i diritti dell’Infanzia”, e l’approvazione del piano di zona triennale 2010/2012 legge 328/00.

Il consigliere di opposizione ed ex sindaco Giuseppe Savoia è intervenuto a muso duro sul conto consuntivo, sul bilancio, sul Co.DI., accusando la maggioranza Di Santo di spreco di denaro pubblico e di non trovare, dopo due anni e mezzo di mandato, una vera programmazione politica, proponendo poi soluzioni alle diverse tematiche affrontate.

“Ho offerto la mia collaborazione costruttiva al sindaco, nonché consigliere provinciale, senza negare lui, diplomaticamente, critiche al suo ‘non operato’, al suo restar ‘muto’ innanzi ad ogni deliberazione, ad ogni sottoscrizione di atto, ad ogni consiglio comunale”, il commento di Savoia a margine della seduta. “Ho ricordato – continua l’ex sindaco – le occasioni perse e la negligenza con cui stanno gestendo la cosa pubblica e il Comitato per l’Infanzia, nato e retto grazie al sostegno di sponsor invitati, in prima persona dal sottoscritto, a sostenerne progetti estivi e non solo. Comitato che ha vissuto di volontariato e che oggi vede minata la sua esistenza”.

Savoia ritiene “approssimativi e inconcludenti” gli attuali amministratori “che – spiega – stanno mettendo a rischio l’economia e lo sviluppo del paese”. “I tagli alla cultura annunciati in Consiglio, e criticati sul piano nazionale, – incalza Savoia – sono cosa concreta a Sant’Arpino che fa così passi indietro in un settore che da sempre è ritenuto il principale traino per un territorio dalle tradizioni storico-culturali millenarie”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico