Sant’Arpino

Il ras dei casalesi “Pesciolino” finisce in una casa lavoro

Mario IndacoSANT’ARPINO. I carabinieri della stazione di Orta di Atella hanno tratto in arresto Mario Indaco, 51 anni, alias “Pesciolino”, attivo nei comuni di Orta, Succivo e Sant’Arpino per conto del clan dei casalesi e legato al clan Moccia-Cennamo.

Già sottoposto alla misura di sicurezza della libertà vigilata, Indaco si è reso responsabile di una serie di violazioni negli ultimi 12 mesi: il 17 giugno 2009 ritardata presentazione per l’apposizione della firma; 2 ottobre 2009 guida di autovettura con patente revocata; 30 dicembre 2009 ritardata presentazione per l’apposizione della firma; 30 marzo 2010 guida di autovettura con patente revocata, in stato di alterazione psicofisica dovuta all’assunzione di alcool e droga, resistenza a pubblico ufficiale, lesioni colpose gravi.

Il magistrato, pertanto, ha trasformato la misura della libertà vigilata in quella detentiva, per un anno, presso una casa lavoro di Modena.

You must be logged in to post a comment Login

News Recenti

Twitter

Gricignano, inizia l'era Santagata: insediato il nuovo Consiglio Comunale - https://t.co/DbuGCtF9Dk

Caserta, spari contro due africani al grido "Salvini, Salvini" - https://t.co/n7SP7C8B5b

Mondragone, Piazza: "Restyling delle strade della città" - https://t.co/uzFDDtkYBA

Truffa su annunci on line: 21 arresti tra Parete e l'agro aversano - https://t.co/8cUzeO31mY

Condividi con un amico