Marcianise - Capodrise - Portico - Recale - Macerata Campania

Estinzione derivati, Raucci fornisce delucidazioni

Angelo Raucci MARCIANISE. In data 11 giugno 2010 il Consiglio Comunale ha approvato all’unanimità la delibera con ad oggetto “L’estinzione anticipata degli strumenti finanziari derivati denominati Swap”.

Il promotore dell’operazione di estinzione, l’assessore alle politiche finanziarie, col. Angelo Raucci, in proposito ha diramato una nota: “Gli Swap, ovvero “Scambi di Flussi Finanziari di Cassa”, vengono utilizzati al fine di ottenere un’ottimizzazione del costo degli indebitamenti (mutui contratti con la Cassa Depositi e Prestiti) nonché per conseguire risparmi in termini di oneri finanziari, mantenendo nel contempo un profilo di rischio contenuto. Veniva, per questo motivo, sottoscritto un contratto di “I.R.S.” (Interest Rate Swap) nell’anno 2002 con la Bnl per complessivi euro 14.205.012,22.

Nell’anno 2004, causa l’influenza negativa esercitata dalla congiuntura economica su parametro variabile Euribor ( Euro Interbank Offered Rate)- tasso interbancario di offerta in euro, la “struttura” si dimostrava non più capace di generare vantaggi economici per l’Ente. Veniva pertanto richiesto un intervento atto a riposizionare la natura dei tassi fissi affinché consentisse per il tramite di un’operazione di estinzione a costo “zero” del precedente investimento mediante il ripristino di un prodotto più confacente in termini di profitti finanziari. Per tale motivo, l’amministrazione comunale decideva di rinegoziare il contratto in precedenza sottoscritto, attivando due nuove procedure di investimento che salvaguardassero il 50% ciascuna il debito per mutui contratto con la Cassa Depositi e Prestiti. Queste due nuove forme di investimento contemplavano esclusivamente uno scambio di flussi di cassa, aventi natura di interessi, nonché la possibilità di estinzione anticipata, senza il pagamento di alcuna penalità. In relazione a detto investimento scaturiva, al 31 dicembre 2009, un profitto netto complessivo per il bilancio dell’Ente, pari ad euro 508.786,84.

A tal proposito, nel sottolineare la grave crisi del settore, con la conseguente turbolenza dei mercati finanziari internazionali si verificava, nell’anno 2008, un differenziale negativo per le finanze comunali pari a complessivi euro 343.197,41. Pertanto, al fine di scongiurare il rischio, legato al ripetersi di tale ultima contingenza, si rendeva opportuno procedere ad un’immediata estinzione anticipata, senza penalità, dei contratti Swap attualmente in essere che, diversamente, sarebbero giunti a scadenza, nel lontano 31 dicembre 2021. Per tutto quanto sopra esposto, si conferma il positivo saldo per l’Ente comunale pari ad un profitto netto complessivo fino al 31 dicembre 2009 di euro 508.786 con l’aggiunta di differenziali positivi pari ad ulteriori euro 25.111,33, maturati per il periodo 31 dicembre 2009 fino al 30 giugno 2010, nonché le positive valutazioni delle quotazioni Mark to Market pari ad euro 10.000 per la prima struttura, ed euro 27.000 per la seconda. Infine, per completezza di trattazione, si evidenzia che, come anticipato in premessa, l’amministrazione intende anticipare l’estinzione anche di quota parte dei mutui contratti con la C.d.p. mediante l’utilizzo parziale dell’avanzo di gestione del Rendiconto 2009 per cui, gioco forza, per poter accedere a tale estinzione anticipata di detti mutui, occorre azzerare gli strumenti finanziari derivati in corso, in quanto strettamente correlati ai debiti nei confronti della C.d.p”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico