Italia

Israele, liberi i sei attivisti italiani

 GAZA. Sono stati rilasciati e messi in viaggio verso la Turchia i sei italiani detenuti da lunedì in Israele, con altre centinaia di attivisti filopalestinesi, dopo il sanguinoso blitz contro la flottiglia di aiuti in navigazione verso la Striscia di Gaza.

La notizia del rilascio, annunciata fin dalle ore precedenti, é stata formalizzata in tarda mattinata da Betlemme (Cisgiordania) dal sottosegretario agli Esteri Stefania Craxi, che si trova in visita nella regione. Ed è stata subito dopo confermata dal ministro degli Esteri, Franco Frattini, il quale si è detto “particolarmente grato al governo israeliano per la collaborazione offerta” e ha dato atto dell’impegno profuso dall’ambasciata italiana a Tel Aviv.

I sei – Giuseppe Fallisi, Angela Lano, Marcello Faraggi, Manolo Luppichini, Manuel Zani e Ismail Abdel-Rahim Qaraqe Awin – sono stati caricati su un pullman con altri attivisti stranieri, sotto scorta e senza possibilità di contatti con l’esterno, poi accompagnati all’aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv, doveli attendevano rappresentanti diplomatici italiani e il volo verso la Turchia, da dove proseguiranno per l’Italia.

L’accelerazione delle procedure di espulsione è scattata sull’onda delle crescenti pressioni internazionali e dopo il via libera di ieri sera del gabinetto di sicurezza israeliano, presieduto dal premier Benyamin Netanyahu, al rimpatrio “immediato” di tutti gli stranieri fermati: inclusi quei turchi che in un primo momento avevano rischiato di finire sotto processo per la reazione violenta all’abbordaggio della Mavi Marmara, la nave guida del convoglio denominato ‘Freedom Flotilla’.

Già in mattinata una cinquantina di turchi aveva lasciato il centro di detenzione di Beer Sheva, mentre nella notte era stata completata l’espulsione via terra verso la Giordania di altre 124 persone – originarie di diversi Paesi arabi e musulmani – nonché quella di tre libanesi: tutti accolti, al di là del ponte di Allenby – che collega le due sponde del fiume Giordano – da una folla inneggiante alla “libertà della Striscia di Gaza” (l’enclave palestinese controllata dal 2007 dagli islamico-radicali di Hamas) da slogan ostili verso Israele.

A bordo delle navi della flottiglia c’erano in totale 682 persone di 42 diverse nazionalità. Almeno 9 sono state uccise nell’assalto delle forze speciali della marina israeliana, mentre più di 40 sono state ferite e sono tuttora ricoverate in ospedale; una cinquantina di persone, infine, era stata rimpatriata già fra lunedì sera e ieri, avendo accettato di firmare un provvedimento amministrativo d’espulsione.

Tutti gli altri stranieri – rinchiusi temporaneamente nel centro di detenzione per essersi rifiutati di firmare tale provvedimento, che li avrebbe costretti ad ammettere di essere entrati illegalmente in Israele e non catturati in acque internazionali – dovrebbero essere rimpatriati entro giovedì in via extra giudiziale, sulla base di quanto stabilito dal gabinetto di sicurezza.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico