Cesa

Raid vandalico nella scuola media “F. Bagno”

 CESA. Un nuovo atto di vandalismo ai danni di strutture scolastiche si è verificato nella notte tra lunedì 28 e martedì 29 giugno.

Ad essere preso di mira, questa volta, è stata la media “Francesco Bagno”,in via Turati. Ad accorgersi dell’accaduto sono stati i collaboratori scolastici che, martedì mattina, sono giunti presso l’istituto ed hanno notato che le braccia meccaniche del cancello d’ingresso erano state divelte e la telecamera del videocitofono, funzionante negli orari scolastici, manomessa con l’obiettivo posto verso l’alto. A questo punto hanno avverito il preside Luigi Cantile e il professor Nicola De Michele, responsabile della sicurezza dell’istituto.

Già lunedìil personale della scuola aveva notato i danni al cancello e la telecamera girata, riposizionandola nella direzione giusta. Considerando quanto accaduto il giorno successivo, è probabile chevi era stato già un tentativo di irruzione.

Gli ignoti, dopo essersi introdotti furtivamente nell’istituto, rigirando di nuovo la telecamera del videocitofono. Poi,giunti vicino alla cisterna del gasolio, hannodivelto la botola di protezione in cerca del combustibile che, però, era ai minimi livelli considerata la stagione estiva. Forse,a causa del magro bottino, i malviventi si sono infuriati tanto da distruggere completamente l’orticello retrostante la struttura e, utilizzando il concime per le piante, comporre una scritta offensiva al suolo.

raid alla scuola mediaSul posto sono giunti i carabinieri della locale stazione che hanno avviato le indagini e acquisito le immagini della telecamera della videosorveglianza posizionata nei pressi dell’ingresso dell’istituto. Non è la prima volta che la scuola media finisce in preda ai vandali: accadde già nel novembre del 2008 che in un raid notturno venne messo a soqquadro l’intero istituto provocando dei danni di circa 50mila euro.

“Così non va – grida Stefano Verde in uno sfogo amaro -, di questo passo il paese non ha un futuro. Questo episodio ci avvilisce ma non ci lasciamo scoraggiare”. Verde lancia poi una sfida alle forze dell’ordine: “facciano il loro dovere fino in fondo e per questa volta assicurino i malfattori alla giustizia. Noi per garantire maggiore sicurezza ai cittadini e tutelare le strutture pubbliche, come le scuole che sono di tutti, abbiamo fatto la nostra parte istallando un sistema di videosorveglianza, ora tocca alle forze dell’ordine in particolare ai carabinieri che stanno indagando fare il loro dovere. A essi chiedo il massimo sforzo investigativo per assicurare al più presto i colpevoli alla giustizia, perchè sia inflitta una giusta punizione. Non si può violare un’istituzione fondamentale come la scuola al servizio della comunità – ha chiosato – e rimanere impuniti”.

Clicca per ingrandire

raid alla scuola media
raid alla scuola media
raid alla scuola media
raid alla scuola media
raid alla scuola media raid alla scuola media raid alla scuola media raid alla scuola media

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico