Aversa

“Italia, o cara…”, in edicola numero di giugno di Fresco di Stampa

 AVERSA. E’ in edicola, da sabato 5 giugno, il nuovo numero del magazine di Terra di Lavoro e Napoli Nord “Fresco di Stampa”.

Il primo piano di questo numero è dedicato all’impatto del Federalismo fiscale in Campania, con in evidenza i pregi e i difetti. Il mensile ospita gli interventi di manager, direttori delle grandi aziende pubbliche ed economisti locali. Completa il dossier l’intervista al costituzionalista, Massimo Villone. “Italia, o cara…”, il titolo della copertina, curata dal grafico Marco Gravina e arricchita dall’immagine fotografica di Ferdinando Nicola Baldieri.

Sul Federalismo, il giudizio e le preoccupazioni sono unanimi: quando entrerà in vigore il nuovo sistema approvato dal Governo, si scoprirà che il Mezzogiorno ha debiti di grandi dimensioni. Gli esperti dichiarano che la Campania scoprirà di avere un deficit di 7 miliardi di euro, una cifra spaventosa da colmare con nuovi sacrifici richiesti ai cittadini, i quali dovranno pagare nuove tasse. La politica, in questo numero di “Fresco di Stampa” ha molto spazio. Oltre alle difficoltà a mettere insieme le due giunte della Regione e della Provincia di Caserta, si racconta delle divisioni interne al Pdl, tra “finiani” e “berlusconiani”, con un’intervista esclusiva a Italo Bocchino, e, dall’altra parte politica, si evidenzia la diaspora dei dirigenti della Sinistra, ormai fuori dal Palazzo da tempo. Un servizio interessante è quello dedicato all’abusivismo edilizio.

Appena insediato a Palazzo Santa Lucia, il nuovo governatore, Stefano Caldoro, ha bloccato gli abbattimenti degli edifici abusivi e gli ambientalisti sono ricorsi alla Corte Costituzionale. Nella sezione legalità, di rilievo le interviste al Procuratore Antimafia di Palermo, Antonio Ingroia e al Procuratore del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere, Corrado Lembo. I due uomini di giustizia parlano del provvedimento sulle intercettazioni telefoniche e della lotta alla criminalità organizzata. Lembo propone di inaugurare a Santa Maria la Procura Antimafia. Approfondimenti sui temi del gioco d’azzardo e sul silenzio della Chiesa locale sui casi di pedofilia, rendono più corposo il numero di giugno del giornale.

Di spessore, l’intervista al filosofo, Aldo Masullo, che parla di Napoli e del possibile sviluppo dell’intera Regione. Anche nel numero di giugno di “Fresco di Stampa” vengono riproposte le rubriche: Il bue e l’asino del giornalista Vito Faenza e Calici & Pastelle della sommelier Michela Guadagno.

Dopo la sezione del giornale dedicata alle diverse aree di Terra di Lavoro e Napoli Nord, dall’Agro aversano, al Maddalonese, da Caserta alle città all’Alto casertano e da Giugliano, a S. Antimo, Villaricca, Melito e Qualiano, spazio è dato alla musica, alla cultura e all’arte. In chiusura, la consueta rubrica della giovane scrittrice casertana, vincitrice del premio Calvino 2007 con i racconti “Dai un bacio a chi vuoi tu”, Giusi Marchetta.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico