San Felice a Cancello - Santa Maria a Vico - Arienzo - Cervino

Lavoro nero, 7 imprese sequestrate e sanzioni per 65mila euro

 SAN FELICE A C. Continuano i controlli dei carabinieri della compagnia di Maddaloni, in collaborazione con il Nucleo Ispettorato del Lavoro di Caserta, finalizzati al contrasto del lavoro nero, in particolare nei settori dell’edilizia.

A Maddaloni e Valle di Maddaloni, i carabinieri delle locali stazioni e delNil hanno controllato ben 9 cantieri edili, 3 dei quali sono risultati avere lavoratori in nero. A Maddaloni, presso 2 cantieri in via Viviani e via Starzalunga, sono stati trovati 9 operai intenti a lavorare e 5 di essi sono risultati in nero. Per i rispettivi titolari delle imprese edili sono scattate contravvenzioni per complessivi 20mila euro ed è stata disposta la sospensione amministrativa dell’attività. Anche a Valle di Maddaloni il cantiere controllato in via Sannitica è risultato avere 1 lavoratore irregolare su 3, pertanto l’impresa edile è stata chiusa e sono state contestate sanzioni amministrative per 5mila euro.

A Santa Maria a Vico i controlli della locale stazione assieme ai carabinieri del Nil hanno consentito di rilevare gravi irregolarità in entrambi i cantieri ispezionati, uno in via Sant0Apollonia ed un altro in via Nazionale.2 lavoratori su 6 sono risultati in nero. Anche in questo caso sono state elevate contravvenzioni ai rispettivi titolari, per 10mila euro, ed entrambe le attività sono state sottoposte a chiusura amministrativa.

Infine, a San Felice a Cancello, i carabinieri della locale stazione e del Nil hanno controllato tre ditte operanti su un cantiere edile in viale della Repubblica. I 6 operai trovati a lavorare sono risultati tutti irregolari, per cui sono state elevate contravvenzioni per circa 30mila euro e le ditte sono state chiuse.

Tutti questi cantieri e queste attività d’impresa, per poter riaprire dovranno regolarizzare la posizione occupazionale e contributiva dei loro dipendenti e operai, altrimenti si esporranno a sanzioni ancora più gravi.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico