Orta di Atella

Tarsu, sospeso pagamento per annualità 2003-2004-2005

 ORTA DI ATELLA. La giunta comunale di Orta di Atella nella ultima seduta del 17 maggio scorso ha approvato all’unanimità, su esplicita proposta del sindaco Angelo Brancaccio, la sospensione immediata del pagamento della tassa sui rifiuti solidi urbani (Tarsu) relativa al triennio 2003-2005.

Fedele al trend inaugurato due mesi addietro con le prime iniziative istituzionali per attivare concreti strumenti di intervento a favore della fasce meno agiate, l’esecutivo cittadino continua a produrre atti di una certa rilevanza che a pieno titolo si inseriscono in un ideale pacchetto di misure anticrisi. Il provvedimento ratificato in questi giorni è un vero e proprio toccasana per le tasche dei tanti contribuenti ortesi che si tradurrà in una importante dilazione di pagamento. La delibera approvata dall’esecutivo cittadino prevede la rateizzazione di quanto dovuto da ciascun contribuente ortese in trenta rate mensili.

“Gli impegni assunti durante la campagna elettorale ed il programma politico-amministrativo sottoposto agli elettori- ha affermato Brancaccio- rappresentano il Vangelo nella nostra azione di governo cui far riferimento quotidianamente. Nel tentativo di mitigare l’impatto socio-economico conseguente alla crisi abbiamo varato questo provvedimento che costituisce una misura che integra le iniziative già in atto, con azioni coordinate che coinvolgono più settori, in un’ottica di sistema”.

Soddisfatto del provvedimento adottato anche il vicesindaco con delega ai Trubuti, Giovanni Sorvillo, che non nasconde il proprio compiacimento. “La sospensione ha lo scopo di far fronte con certezza alle esigenze della collettività in questo periodo di crisi economica generalizzata che suggerisce ad una buona amministrazione di attuare politiche che favoriscano le famiglie economicamente svantaggiate. L’intento è quello di fare in modo che le persone in fase di criticità economica non vengano investite fino ad arrivare ad una posizione di marginalità”.

L’atto deliberativo, inoltre, conferisce mandato alla società Telerservizi, l’azienda che ad Orta di Atella gestisce i tributi, di ricalcolare per ciascun contribuente l’importo complessivamente dovuto riferito al triennio in questione. La sinergia istituzionale che si creerà con la Teleservizi si tradurrà in comunicazioni costanti che saranno inviate ai cittadini riportanti l’importo dovuto e le modalità di adesione alla rateizzazione. Altro fattore importante è che la dilazione di pagamento sarà operativa anche nei confronti di quei contribuenti che hanno in essere un contenzioso con l’ente di viale Petrarca in merito alla Tarsu.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico