Marcianise - Capodrise - Portico - Recale - Macerata Campania

Scalo merci, Polverino: “Intervenga assessore regionale ai trasporti”

Angelo Polverino MARCIANISE. “Intervenga subito l’assessore regionale ai Trasporti, Sergio Vetrella, per scongiurare il pericolo di chiusura dello scalo merci Maddaloni-Marcianise.

La situazione è diventata insostenibile e presto molte famiglie si ritroveranno sul lastrico. Trenitalia ha abbandonato lo scalo merci più grande d’Italia e non crede più in nessun piano di rilancio. E’ un duro colpo al sistema produttivo del nostro territorio, perchè Trenitalia ha puntato decisamente su Verona. E’ una situazione altamente drammatica, dovuta anche al fatto che i convogli merci lungo la tratta Milano – Reggio Calabria non fanno più fermate nello scalo casertano e sono stati sospesi gli allestimenti dei convogli destinati alla Sicilia. Non si può perdere altro tempo e solo il neo assessore casertano può fermare l’inarrestabile processo che porta diritto alla morte dell’interporto”.

Con un’interrogazione urgente, Angelo Polverino (nella foto), consigliere regionale del Pdl chiama in causa direttamente il super assessore voluto dal parlamentare Nicola Cosentino, senatore ed ex Presidente del Cira di Capua. “Dei 700 dipendenti, a Maddaloni – Marcianise ne sono rimasti circa 400. Con i propositi di dismissione da parte di Trenitalia – precisa il Consigliere – non ci sarà più spazio per loro. Tutti gli investimenti si faranno al Nord. Tempo un mese e sarà tutto definito. Per questo motivo, l’unico che potrebbe invertire la rotta è solo l’assessore Vetrella”.

Le parti sociali ed i lavoratori in agitazione hanno accusato la politica di essere assente rispetto ad un problema così serio. “E’ vero che la composizione degli esecutivi alla Provincia e alla Regione è stata lunga e travagliata, ma adesso ci sono i riferimenti. Bisogna solo capire – aggiunge Polverino – se quello che sta succedendo all’Interporto fa parte di un disegno precostituito che parte dall’alto con la complicità della politica e che vede ancora una volta svenduto il nostro territorio o c’è la volontà a risolvere la questione. Ripeto, l’unico che può chiarirlo è solo l’assessore Vetrella. L’impianto principale della logistica provinciale non può più perdere pezzi. Il centrodestra in campagna elettorale è stato chiaro. Il rilancio dell’intermodale tuttora costituisce uno dei pezzi forti su cui investire una parte dell’economia casertana. Non vorrei – conclude il pidiellino – che si registrasse il primo fallimento targato Caldoro. In passato ed in tempi non sospetti sono stato il primo a lanciare l’allarme. Ora davanti a noi ci sono due strade. Quella che porta alla ripresa e quella che va nella direzione del totale fallimento. Non ci sono alternative”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico