Italia

Volevano sequestrargli canile: uccide due guardie e poi si spara

 GENOVA. Ha ucciso due guardie zoofile che dovevano eseguire un decreto di chiusura del suo canile, poi si è tolto la vita.

E’ successo giovedì mattina a Sussisa, frazione di Sori, sulle alture della riviera genovese di Levante. Le guardie erano andate a effettuare un sopralluogo nella struttura che stava per essere posta sotto sequestro in seguito a una segnalazione su maltrattamenti agli animali. Il titolare, Renzo Castagnola, 65 anni, all’arrivo delle guardie, ha sparato contro di loro e si è ucciso. Nella sparatoria è rimasta ferita anche la moglie del titolare del canile.

Le guardie provinciali – Elvio Fichera e Paola Quartino – si erano presentate presso l’abitazione dell’uomo con un decreto (firmato dal pm Piercarlo di Gennaro) di sequestro dei suoi cani da caccia in seguito a segnalazioni di maltrattamenti. Dopo aver ascoltato la lettura del decreto e delle contestazioni, al momento di firmare, Castagnola ha detto: “Vado a prendere una penna”. È invece tornato armato e ha iniziato a sparare all’impazzata. La moglie, che si trovava sulla traiettoria, è rimasta ferita. Sul luogo erano presenti anche vigili urbani e carabinieri che sono riusciti a ripararsi. Castagnola aveva un porto d’armi per la caccia e, secondo le prime informazioni, faceva parte di una squadra per le battute di caccia al cinghiale.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico