Italia

Tagli, Barbareschi: “Non impoverire culturalmente il Paese”

Luca Barbareschi ROMA. “Va bene l’emergenza economia ma si rischia di impoverire culturalmente il Paese. Va approfondita la scelta dei tagli”.

E’ l’opinione diLuca Barbareschi (Pdl), vicepresidente della Commissione Trasporti e Telecomunicazioni, alla luce della manovra varata dal governo che, in attesa di firma del Quirinale e di esame del Parlamento, ha scatenato durepolemiche anche all’interno della stessa maggioranza di centrodestra. Tra le critiche spicca quella delministro della Cultura Sandro Bondi, il quale ritiene il suo ministero “esautorato” e che alcuni degli enti a rischio soppressione, come il Centro sperimentale di cinematografia, la Triennale di Milano, il Vittoriale, “non possono essere considerati lussi”.

“Gli enti inutili sono inutili – riflette Barbareschi – e ciò, in un momento di crisi in cui ogni provvedimento finalizzato a tagliare i costi della pubblica amministrazione e non solo, dev’essere accolto con favore. Attenzione, però, a non colpire con una scure una categoria che, non sempre ma spesso, ha supportato la crescita e lo sviluppo culturale nel nostro Paese”.

“Occorre – continua il parlamentare del Pdl – individuare dei criteri di valutazione che ci aiutino a distinguere tra enti fasulli, o quantomeno davvero inutili ed improduttivi se non per sé stessi, da quelli che nel Paese hanno svolto un ruolo che oggi, anche in un momento di crisi in cui i provvedimenti devono essere rapidi oltre che decisi, devono salvarsi e sopravvivere, magari opportunamente monitorati nei costi di gestione e non solo. Cultura e sviluppo sono un binomio che non si può scindere né trascurare, e in Italia occorre spingere sull’acceleratore della crescita altrimenti saremo sempre nelle condizioni di dover correre ai ripari”.

“Questa situazione di emergenza – conclude Barbareschi- dev’essere risolta cercando di colpire gli sprechi, oppure attraverso una seria lotta all’evasione fiscale, vera piaga del Paese, non depauperando ulteriormente gli italiani di un patrimonio importante”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico