Italia

Muore il poeta Edoardo Sanguineti: la Procura apre inchiesta

Edoardo SanguinetiGENOVA. È scomparso all’età di 79 anni il poeta e scrittore genovese Edoardo Sanguineti. L’intellettuale è morto nell’ospedale Villa Scassi, nel capoluogo ligure.

Poeta, scrittore e critico, Sanguineti era nato a Genova il 9 dicembre del 1930.

PROCURA APRE INCHIESTA. Il pm Patrizia Petruzziello ha aperto un fascicolo per omicidio colposo a carico di ignoti. Sanguineti era stato ricoverato per un aneurisma e sottoposto ad un intervento chirurgico presso l’ospedale Villa Scassi di Genova Sampierdarena. L’operazione, inizialmente condotta senza complicazioni, era improvvisamente precipitata, con un blocco cardiaco che aveva determinato la morte del paziente. Il sostituto procuratore Petruzziello ha fatto sequestrare la cartella clinica di Sanguineti ed è intenzionata a sottoporre la salma dell’intellettuale genovese ad autopsia.

LA MOGLIE: “DUE ORE IN PRONTO SOCCORSO”. “E’ successo tutto stamani, l’ho accompagnato al pronto soccorso – ha raccontato al’Ansa la moglie Luciana. Eravamo soli, lui ed io. Abbiamo aspettato due ore, si sa come va nei pronto soccorso. Prima gli hanno fatto una Tac, hanno visto che c’era un aneurisma aperto ed hanno detto che dovevano operare subito. Per fortuna c’era un professore che l’aveva già operato per un by-pass alla gamba un anno e mezzo fa. Ero tranquilla perché è un ottimo medico, ma purtroppo è capitato quello che è capitato. La questione è che non bisogna mai andare in ospedale. Dicevo ai medici del pronto soccorso, non schiacciategli la pancia che ha un aneurisma che si vede dall’esterno, niente, quelli dicevano che dovevano visitarlo”.

LA FIGURA DI SANGUINETI. E’ stato una figura di letterato a 360 gradi, fuori e dentro il mondo accademico. Poeta, intellettuale, professore di letteratura all’Università di Torino, Salerno e Genova, ma anche autore di teatro, critico, saggista. La sua attività è stata sempre caratterizzata da una battaglia culturale iniziata con l’esperienza avanguardistica degli anni Sessanta. Insieme ad Angelo Guglielmi, Edoardo Sanguineti fu infatti il teorico più famoso del Gruppo 63.

Capofila della neoavanguardia poetica, partecipò alla raccolta collettiva di poesia “I nuovissimi” (1961) da dove approdò con un ruolo determinante e fondativo al ‘Gruppo 63’. La sua poesia sperimentale – è stato detto – rappresenta la “dissoluzione” del linguaggio quotidiano, come dimostrazione dell’impossibilità del comunicare nella società dei consumi. Dal “linguismo” folgorante dei primi lavori e dalla bulimia senza razionalità di parole e immagini (Laborintus, Erotopaegnia, Triperuno), Sanguineti elaborò con il tempo un regime satirico e grottesco a cui non fu estraneo il realismo marxista e la psicoanalisi che grande influsso ebbero su di lui. Di questi fase sono Wirrwar, Postkarten, Stracciafoglio, Seggnalibro, Bisbidis, Senzatitolo, Per musica. La sua capacità critica si è applicata a Dante (interpretazione di Malebolge), al ‘900 (Tra liberty e crepuscolarismo, Guido Gozzano, Indagini e letture, Scribili). Sua la cura dell’antologia Poesia italiana del novecento. Molto attivo anche nella narrativa: da Capriccio italiano a Il gioco di Satyricon. Non ultima la sua passione per il teatro: K. E le altre cose, Faust. Un travestimento. Così come molte riduzioni teatrali tra cui quella dell’Orlando Furioso per il regista Ronconi.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico