Esteri

“Fergie” incassa una mazzetta: scandalo a Buckingham Palace

Sarah Ferguson LONDRA. Una mazzetta da 40 mila dollari sistemati in una valigetta. Soldi che Sarah Ferguson prende con tranquillità, inconsapevole della trappola tesale dal finto imprenditore che ha di fronte.

E’ tutto documentatoin un video del domenicale ingleseNews of the World che ora fa tremare Buckingham Palace, malgrado “Fergie” sia divorziata dal principe Andrea dal 1996. La rivista ha incastrato la duchessa di York con un suoreporter che, fingendosi imprenditore, e armato di una telecamera nascosta, si è presentato dalla Ferguson chiedendole di presentargli l’ex marito, principe Andrea, rappresentante speciale per il commercio e gli scambi del Regno Unito. Fergienon si è tirata indietro, secondo quanto si vede nel filmato, ha chiesto in cambio 500mila sterline, aggiungendo una frase magica: “Lei si prenda cura di me e io mi occuperò di lei. La sua ricompensa sarà dieci volte maggiore. Le aprirò qualunque porta”. Poi, ha preso una borsa nera con dentro 40mila dollari (27mila sterline) come anticipo.

Il filmato mostra il dialogo tra Sarah – madre delle principessine Beatrice e Eugenie – e il finto imprenditore. “Non ho un soldo”, spiega lei al suo interlocutore, al quale confida anche che il suo accordo di divorzio l’ha lasciata con un assegno da 15 mila sterline (più di 17 mila euro) l’anno. “Sono una contribuente britannica, ho lasciato la famiglia reale per la libertà e sono sul lastrico. Non ho speranze”.

La portavoce di Sarah ha detto di non essere stata messa al corrente dell’incontro, di essere “furente” per l’accaduto e ha definito “ingenua” la contessa. Nessun commento invece da Buckingham Palace. Nel filmato, comunque, la duchessa di York “scagiona” in qualche modo l’ex marito. “Andrea non accetta mai soldi, nemmeno un penny: è più bianco del bianco”, spiega la Ferguson al reporter del News of the World, spacciatosi per un imprenditore. “Siamo la coppia divorziata più felice del mondo”, rivela quindi al finto imprenditore.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico