Esteri

Bangkok, i cittadini ripuliscono la città dopo i disordini

 BANGKOK. Centinaia di persone si sono riversate per le strade di Bangkok, stavolta non per protestare ma per ripulire la città dopo i disordini delle ultimesettimane.

Studenti, commercianti, anziani, armati di scope, detersivo e vernice, hanno lavato l’asfalto, rimosso le scritte dai muri e aiutando a raccogliere i rifiuti che non erano stati prelevati da giorni.

Da lunedì dovrebbero riaprire anche le scuole e gli uffici governativi, così come la Borsa e gli altri mercati finanziari.

Almeno 54 persone sono morte e più di 400 sono rimaste ferite dal 14 maggio, prima che l’esercito sgomberasse le “camicie rosse”, mentre a Bangkok almeno 40 grandi palazzi sono stati dati alle fiamme, e il turismo e il settore retail sono stati gravemente compromessi.

In un video realizzato da un giovane thailandese i momenti delle maxi opera di pulizia dei cittadini: costretti dal governo o mossi da amore per la Patria e senso civico? Non è dato saperlo? Intanto, però, rimettono in sesto la loro capitale.

Bangkok, i cittadini ripuliscono la capitale

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico