Caserta

Ztl, le associazioni casertane al lavoro per un’alternativa

 CASERTA. ll Coordinamento delle Associazioni Casertane (Co.As.Ca), dal gennaio scorso, ritenendo di “stallo commerciale” la situazione verificatasi dopo l’istituzione della Zona a traffico limitato sul corso Trieste, …

…ha istituto una commissione interna con il compito di approfondire le problematiche connesse all’immagine e vivibilità della città.

“Le prime riunioni – informa l’architetto Rosa Carafa, della commissione Ztl del Co.As.Ca. – hanno interessato l’approfondimento di un progetto per la Zona a Traffico Limitato, proposto dalla professoressa Marina Campanile (Fondazione La Grande Reggia) e dalla professoressa Anna Speranza (Associazione Ainlaid), che non si limitava alla sola chiusura al traffico ma tentava di risolvere una serie di problemi al contorno, indispensabili per evitare la desertificazione delle aree soggette alla Ztl. S è poi partiti dal presupposto che l’investimento sullo sviluppo turistico del territorio, con la Reggia polo trainante, era ‘punto di partenza ed obiettivo’ per cui è risultato evidente, nelle riunioni svolte, che bisognava mirare ad una organizzazione che puntasse sulla qualità ove necessitava coinvolgere fattivamente e qualitativamente gli Enti locali e Territoriali, gli operatori specifici, e ogni attore sociale che fosse interessato al problema. Per formare sinergia si è organizzata una prima riunione il 20 maggio scorso con i commercianti che hanno risentito maggiormente degli effetti negativi derivanti dai provvedimenti incompleti che richiedeva l’ ttivazione della Ztl. Sono intervenuti: Umberto Garbo e Renato Lamberti per l’Ascom; Emilio di Lorenzo, Sandra Manganiello, Giovanni De Simone e Salvatore Nittoli per il consorzio Le Botteghe del Centro. Con i presenti si sono analizzati i correttivi da apportare per promuovere la città, quale polo stanziale di un più vasto bacino culturale, che abbia come obiettivo la crescita economico-sociale di Caserta. Il dibattito ha visto il coinvolgimento dei membri del Co.As.Ca, Carafa, Cozzolino, Speranza, Natale, Sorrentino, Cerreto, Iacone e i commercianti intervenuti. I rappresentanti del consorzio hanno informato di un progetto da loro commissionato per il contesto urbano che si sviluppa nell’area del centro storico mentre i rappresentanti dell’Ascom hanno posto delle richieste che andranno valutate successivamente con la realizzazione di una scheda indagine che dovrà recepire le indicazioni/idee dei cittadini. Il Co.As.Ca. si è impegnato a sentire altri Enti coinvolti nella specificità del problema e a tenere attivo un calendario di incontri settimanali, per portare a compimento questo problema nell’interesse della città”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico