Caserta

Reggia e non solo, Campania Onclus propone un turismo di qualità

Reggia di CasertaCASERTA. Le recenti questioni sollevate dalla Sovrintendente della Reggia di Caserta, altri Funzionari dello Stato e Rappresentanti di categoria, per l’associazione “Campania Onlus”, presieduta da Gennaro Mariniello, pongono una serie di annosi ed irrisolti problemi.

“I Complessi Monumentali e Museali, le Scuole, gli Ospedali, non appartengono a chi li dirige o vi lavora nelle varie articolazioni, bensì alla collettività. Purtroppo questo è dimenticato. E l’esempio peggiora man mano che si va verso le più elevate articolazioni dello Stato”, afferma Mariniello, che aggiunge:”Nello specifico certe posizioni, e le polemiche conseguenti, non aiutano quello che per Campania Plus deve essere il volano della rinascita civile ed economica della Campania: il Turismo di Qualità ed Efficienza. Campania Plus ringrazia vivamente la professoressa Paola Fandella dell’Università Cattolica di Milano per avere lanciato una proposta lungimirante ed altamente proficua. Dispiace che siano state considerate ‘idee belle ma difficili da realizzare’. Se togliete alla vita le idee, le emozioni, le aspirazioni, i colori, le forme e gli odori, la vita diventa qualcosa di informe e non desiderabile”.

“La Reggia di Caserta – continua il presidente di Campania Onlus – ha una grande storia, un notevole valore architettonico ed ambientale ma una ancora maggiore importanza per il futuro di un’area molto vasta. Per la Reggia, per l’Area Archeologica di Pompei e di Paestum il Consorzio Campania Plus propone 3 Step per far diventare questi siti i gangli o hub di un progetto di sistema del turismo di qualità. La presenza di Step dinamici in questi, come in futuro in altri siti, potrà fornire il palcoscenico – rivolto al mondo – di tutte le ricchezze, le bellezze e le bontà delle 5 Province della Campania. Se al Nord si realizzano tanti progetti e qui da noi no, da qualche parte esistono le ragioni. Se noi non le vogliamo vedere e non vogliamo raccogliere le sfide del presente-futuro vuol dire che dobbiamo andare a scuola altrui per imparare il mestiere di accoglienza turistica e di presentazione delle nostre ricchezze”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico