Caiazzo - Castel Morrone - Piana di Monte Verna - Castel Campagnano - Ruviano

Videosorveglianza, progetto “promosso” dalla Regione

 CAIAZZO. E’ stato ammesso a finanziamento il progetto della videosorveglianza presentato dall’amministrazione di Caiazzo, in quanto comune capofila, e che coinvolgerà 6 realtà della Media Valle del Volturno.

Nel piano di sicurezza integrato volto al miglioramento del controllo del territorio rientrano infatti i comuni di Caiazzo, Alvignano, Baia Latina, Castel di Sasso, Dragoni e Piana di Monte Verna. Presso ogni comune di competenza sarà istallata infatti una centrale di gestione, visualizzazione e registrazione 24h/24h delle immagini delle telecamere che saranno installate. Il sistema di videosorveglianza sarà interconnesso tramite un’infrastruttura di rete wireless a banda larga così ogni Comune avrà la possibilità di monitorare le immagini proprie e visualizzare quelle di Comuni che fanno parte del progetto attraverso un collegamento Adsl.

“Gli obiettivi che la realizzazione del videosorveglianza si prefigge sono la risposta concreta ed efficace al crescente bisogno di sicurezza espressa dai cittadini – spiega il sindaco Giaquinto con un chiaro riferimento all’escalation di atti di vandalismo messi a segno in città nell’ultimo periodo – rappresenta una possibilità di un presidio elettronico continuativo del territorio in alternativa alla presenza fisica di personale”.

Le amministrazioni comunali, con il protocollo d’intesa, hanno individuato nel dettaglio 109 punti sensibili da monitorare: 42 a Caiazzo, 10 ad Alvignano, Dragoni e Castel di Sasso, 18 a Baia e Latina e 19 a Piana di Monte Verna. I punti sensibili saranno collegati tramite una rete wireless che avrà come centro di controllo la polizia municipale. Il sistema permetterà di visualizzare contemporaneamente gruppi di telecamere attraverso un unico display, poter effettuare ricerche rapide sulle registrazioni archiviate per poter rivisualizzare le sequenze di interesse, gestire tutti gli allarmi e le segnalazioni relative alla diagnostica degli apparati installati sul campo.

“Un ottimo sistema per la prevenzione e la lotta contro il crimine. – conclude Giaquinto – Un elemento quasiirrinunciabile per chi sente minacciate la tranquillità della sua famiglia o lo svolgimento della sua attività professionale”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico