Sessa Aurunca - Cellole

Toscana, furti in appartamento: sgominata banda con un basista sessano

 SESSA AURUNCA. Nelle mattinata venerdì 16 è stata data esecuzione all’ordinanza contenente misure cautelari restrittive, emessa dal gip presso il Tribunale di Lucca nei confronti di quindici pregiudicati di etnia sinti, …

… dediti con sistematicità ai furti in abitazione in buona parte della Toscana ed oggetto di complessa attività investigativa da parte della Sezione “Reati contro il patrimonio” della Squadra Mobile della Questura di Lucca, diretta dal vicequestore Virgilio Russo.

L’indagine aveva già portato, nei mesi scorsi, ad arrestare, in quattro diverse operazioni, ben 12 appartenenti al gruppo criminale, nella flagranza dei reati di furti in abitazione ovvero in danno di persone anziane, per un totale complessivo di ben 26 arresti; e ad ascrivere ai sodali oltre 50 eventi delittuosi, consentendo altresì di recuperare refurtiva in moneta contante, oro e gioielli per svariate migliaia di euro. L’operazione di ieri, coordinata dal Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato ha visto impegnati circa 60 poliziotti, grazie al fattivo contributo di personale delle Squadre Mobili delle Questure di Firenze, Prato e Caserta, del Reparto Prevenzione Crimine Toscana e dei Settori investigativi dei Commissariati di polizia di Civitavecchia, Viareggio e Forte dei Marmi.

Tra gli arrestati il casertano Antonio De Silvestre, 54 anni, originario di Sessa Aurunca e residente a Camaiore (Lucca), e il napoletano Aldo Del Prete, 58 anni, nato a Napoli ma residente Viareggio, entrambi posti ai domiciliari. Gli altri arrestati sono: Cesare Satori, 32 anni, di Forte dei Marmi, Denis Satori, 33, di PietraSanta, Marco Satori, 30, di Viareggio, Emanuele Cavazza, 28, di Viareggio, Patrick Cavazza, 31, di Viareggio, Mauro Dellachà, 27, di Viareggio, Italo Reinard, 48, di Lucca, Raul Lebbiati, 37, di Lucca, Robi Mastini, 26, di Viareggio ma dimorante a Montecarlo (Lucca), Franco Smopech, 36, di Montecarlo (Lucca), Michele Smopech, 37, di Prato, Cristian Snopech, 21, di Prato.

I basisti erano proprio i camani Del Prete e De Silvestre, con il compito di indicare i chier (le abitazioni, in idioma sinto) da depredare, ricavandone regalie. Tutti i sinti arrestati sono per la più gran parte nullafacenti; il De Prete è un muratore in pensione, mentre il De Silvestro lavora presso cantieri navali della Versilia, allestendo gli interni delle barche.

Gli episodi scoperti sono oltre 50, prevalentemente commessi nel 2009 e fino al febbraio 2010, soprattutto nei fine settimana e prima dell’ora di cena, quando i proprietari non erano ancora rientrati a casa.

L’operazione è stata denominata “Windtalkers”, dal nome dell’omonimo film in cui l’esercito Usa utilizzava alcuni indiani d’America per le comunicazioni criptate durante la Seconda Guerra mondiale, per non essere intercettati dai tedeschi. Gli arrestati durante le incursioni usavano infatti il dialetto sinti ed i walkie talkie, per evitare le intercettazioni della Polizia.

Durante le perquisizioni sono state sequestrate smerigliatrici professionali per il taglio dell’ acciaio, cacciaviti, piedi di porco, picconi, guanti da lavoro, walkie talkie e scanner sintonizzati sulle frequenze delle forze dell’ordine.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico