Sant’Arpino

PulciNellaMente premia “Storie Maledette”

Franca Leosini SANT’ARPINO. La XII edizione della Rassegna Nazionale di Teatro Scuola PulciNellaMente, rende omaggio ad uno dei migliori esempi di cronaca giornalistica del panorama dell’informazione italiana, il programma di RaiTre “Storie Maledette”.

Sabato 1 maggio, alle ore 19, al Teatro Lendi di Sant’Arpino ci sarà la consegna del premio “PulciNellaMente per il giornalismo” a Franca Leosini (nella foto). “Storie Maledette” e la Leosini succedono a tanti nomi illustri del giornalismo d’inchiesta che nel corso degli anni sono stati premiati dalla kermesse campana quali Roberto Saviano, Lirio Abbate, Toni Capuozzo, Peter Gomez, Oliviero Beha solo per citarne alcuni. L’ideatrice e conduttrice del programma della terza rete Rai incontrerà studenti, insegnati, operatori teatrali e sociali nel corso della serata dove si discuterà sull’importanza di raccontare la cronaca nera in un periodo come quello attuale dove spesso si accendono i riflettori su eventi tragici, non sempre narrati al grande pubblico in maniera consona. E sono gli stessi ideatori ed organizzatori della “Giffoni del Teatro Scuola”, Elpidio Iorio, Carmela Barbato e Antonio Iavazzo, a illustrare le motivazioni alla base della decisione di premiare “Storie Maledette”.

“Come accade da svariate edizioni specificano i componenti della direzione – abbiamo deciso di sottoporre all’attenzione dei principali fruitori dell’offerta di PulciNellaMente, i giovani, un esempio di giornalismo serio, apprezzato per il suo equilibrio tanto da essersi saputo conquistare nel corso degli anni l’affetto del pubblico e la stima della critica. ‘Storie Maledette’ è un programma che rappresenta un’eccezione di qualità nel non sempre eccelso panorama della televisione italiana, soprattutto nell’ambito dei programmi che raccontano la cronaca nera. Una testimonianza di giornalismo che privilegia i fatti, i riscontri, le prove, grazie al quale non si celebrano processi in tv, ma si danno le notizie, in modo che ognuno, valutando le stesse, possa farsi le propria idea, senza partire da tesi preconcette, dove per forza di cose si deve parteggiare, a scatola chiusa, per l’accusa o per la difesa. Un esempio di tv che non intende raccontare più di quello che necessario e che sa rispettare il dolore, la privacy e le emozioni di chi, suo malgrado, si trova spesso e volentieri al centro di fatti drammatici. Per queste ragioni – continuano Iorio, Barbato e Iavazzo – siamo convinti che la testimonianza di Franca Leosini possa rappresentare un momento utile e di confronto per raccontare a bambini ed adolescenti che la cronaca e le notizie si possono dare anche in una maniera diversa rispetto alla vulgata preminente al momento. Infine vogliamo sottolineare la necessità da parte delle giovani generazioni del nostro territorio nell’avere come riferimento il programma “Storie Maledette” e la sua straordinaria conduttrice Franca Leosini, utile a leggere nella giusta ottica i fenomeni di degenerazione e violenza che nostro malgrado affliggono una terra piena di contraddizioni sociali ma anche ricca di eccellenze qual è appunto quella dell’agro aversano”.

La serata si concluderà con lo spettacolo- omaggio a “Storie Maledette” e a Franca Leosini intitolato “Una Tempesta di Magie”, interpretato dai giovanissimi allievi del circolo didattico di Sant’Arpino. Il week end di PulciNellaMente vedrà domenica sera alle 21 la messa in scena dello spettacolo “Alla Madonna di Loreto” per la regia di Antonio Iavazzo e le musiche di Franco Reccia.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico