San Marcellino

Carbone toglie la delega all’assessore Conte

 SAN MARCELLINO. A San Marcellino cade la prima “testa” dopo l’esito delle elezioni provinciali e regionali del mese scorso.

Il sindaco Pasquale Carbone toglie la delega di assessore al personale al “birichino” Salvatore Conte, “reo” di aver appoggiato il candidato del Pdl Luigi Vitolo, zio dell’ex assessore alle Finanze Pasquale Vitolo, dimessosi il mese scorso proprio per essere nominato presidente della società mista Multiservizi, gestita a capitale pubblico dal comune. Un fulmine a ciel sereno che ha colpito il diretto interessato che, durante tutta la mattinata, ha cercato di sapere il perché e come della decisione del primo cittadino, fino a quando non gli è stata notificata ufficialmente la revoca.

La notizia è stata messa in circolazione fin dalle prime ore sulla casa comunale e le voci si sono rincorse tra dipendenti e dipendenti, ma molti, conoscendo le intenzioni del sindaco non sono si sono meravigliati più di tanto, questo perché, secondo i ben informati, sta già preparando il terreno per le prossime elezioni amministrative e sta lasciando libere molte caselle per creare più proseliti alla sua causa. Ad iniziare dalla prossima composizione della nuova giunta comunale che dovrà essere reimpostata con il probabile nuovo vicesindaco nella persona dell’assessore Luigi De Cristofaro, candidato alle provinciali con in nuovo Psi realizzando un buon risultato di preferenze.

Sicuramente il sindaco Carbone sta già programmando di epurare il suo ex assessore Pasquale Vitolo dalla presidenza della Multiservizi, perché, a dire di molti, lo zio si è candidato alle provinciali senza il suo lasciapassare e tradendo un accordo politico di non belligeranza all’indomani delle votazioni, ma la tenacia e la prospettiva politica di Luigi Vitolo hanno tenuto fronte alle minacce del sindaco e con la sua candidatura il Popolo delle Libertà è risultato il primo nel collegio 36 San Marcellino-Trentola Ducenta con 1800 voti di preferenza. Il presidente della Multiservizi è preoccupato in queste ore perché sa bene che dopo aver rinunciato ad uno scranno in Consiglio comunale vede privarsi anche della presidenza della Multiservizi.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico