Esteri

Nucleare, Obama: “Catastrofe mondiale se Al Qaeda avesse armi nucleari”

 WASHINGTON. Quarantasette leader internazionali si sono riuniti nella capitale degli Stati Uniti per il summit sulla sicurezza nucleare.

L’incontro è iniziato con un minuto di silenzio in ricordo del presidente polacco Lech Kaczynski, morto sabato scorso in un incidente aereo a Smolensk, in Russia, insieme alla first lady e ai vertici dello Stato.

A chiederlo è stato il presidente americano Barack Obama che dopo l’osservazione del silenzio ha iniziato i lavori del secondo giorno di summit con un importante discorso durante il quale ha parlato della nefasta possibilità che Al Qaeda entri in possesso di armi nucleari: “Se Al Qaeda dovesse mettere le mani sul nucleare, per il mondo sarebbe una catastrofe. Materiale nucleare – afferma Obama – che può essere venduto o rubato e usato per armi nucleari esiste in decine di paesi solo la più piccola quantità di plutonio, delle dimensioni di una mela, può uccidere o ferire centinaia di migliaia di persone innocenti. Network terroristici come al Qaeda hanno cercato di entrare in possesso di materiale per armi atomiche e se dovessero riuscirci sicuramente le userebbero. In questo caso sarebbe una catastrofe per il mondo, provocando un’enorme perdita di vite umane e segnando un duro colpo per la pace e stabilità globale. Due decenni dopo la fine della Guerra Fredda – conclude Obama – siamo di fronte a una crudele ironia della storia: il rischio di un confronto nucleare tra nazioni è diminuito, ma il rischio di un attacco nucleare è aumentato. Oggi non è solo l’occasione di fare promesse ma anche di realizzare progressi veri per la sicurezza dei nostri popoli”.

Il presidente americano nel suo discorso ha sottolineato che l’obiettivo peculiare è quello di non permettere al terrorismo di utilizzare il nucleare iraniano. E sulla questione dell’Iran è intervenuto il portavoce del presidente cinese Hu Jintao che ha espresso l’opinione della Cina, membro permanente del Consiglio di sicurezza Onu e quindi decisiva per l’adozione delle sanzioni contro Teheran: “Pressioni e sanzioni non potranno regolare alla base il dossier nucleare iraniano. I migliori strumenti sono il dialogo e il negoziato”.

Tra i leader presenti a Washington anche il premier italiano Silvio Berlusconi che ha parlato del trattato Start 2: “La visione di un mondo senza armi nucleari avanzata da Stati Uniti e Russia con la firma del trattato Start 2, rappresenta una speranza per tutti noi, per i nostri figli e le generazioni future. Credo che tutto il mondo vi sia grato per quello che siete riusciti a fare. Complimenti e andiamo avanti così”. Obama ha anche annunciato che nel 2012 sarà la Corea del Sud ad ospitare il prossimo vertice sulla sicurezza del nucleare.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico