Sant’Arpino

Pd apre la campagna elettorale: “Cambiamo le cose”

 SANT’ARPINO. Apertura ufficiale della campagna elettorale del Partito Democratico a Sant’Arpino, con la partecipazione del segretario regionale, Enzo Amendola, del parlamentare Stefano Graziano, …

… del candidato presidente alla provincia di Caserta, Giuseppe Stellato, la candidata al Consiglio regionale, Tommasina Casale, e il candidato al Consiglio provinciale per il collegio Sant’Arpino-Orta di Atella, Elpidio Del Prete. Al tavolo della presidenza, oltre ai candidati, il coordinatore della sezione del Pd di S.Arpino, Giovanni D’Errico, e la delegata all’assemblea regionale Susy Ronga.

Nella sala dei convegni di Palazzo Ducale, alla presenza di numerosi partecipanti, è toccato proprio al Coordinatore della locale sezione introdurre i lavori e dare il benvenuto ai presenti. Un appello, quello di D’Errico, ad intensificare l’impegno ed il lavoro in questo scorcio di campagna elettorale per convogliare quanti più consensi possibili attorno al Partito Democratico ed ai propri candidati.

Ha aperto gli interventi il candidato di collegio Elpidio Del Prete che, in un emozionato intervento, ha evidenziato “l’assoluta urgenza di ritornare alla vera politica perché possa rinascere una speranza per il futuro delle nostre generazione”. Ed il segretario regionale, Amendola, ha affermato che in questa campagna elettorale si fronteggiano “due idee di futuro: quella del Pd e degli alleati che credono in una democrazia partecipativa, fatta di rispetto delle regole e di un progetto che metta al centro gli interessi generali e diffusi e  quello del Pdl che ha una visione padronale, prepotente e arrogante dell’esercizio del potere”. “Si confrontano – ha poi detto nel suo intervento il deputato Graziano – due schieramenti, e a Sant’Arpino ne abbiamo esempio evidente, del tutto opposti come concezione della politica: il Pdl assomma insieme un’eterogeneità di presenze ambigue, mentre il Pd fa della coerenza e della omogeneità delle proprie alleanze una discriminante insuperabile”.

Tommasina Casale, in un appassionato intervento, ha invitato gli elettori ed i simpatizzanti a mobilitarsi e a fare massa critica per opporre al presunto “Popolo della Libertà” la “Libertà di un popolo” che non si fa condizionare da alcun burattino che muove le fila e decide per tutti.

Nel suo intervento, che ha concluso la manifestazione, invece, il candidato alla presidenza della provincia, Giuseppe Stellato, dopo aver sottolineato le profonde differenze tra i due schieramenti, ha delineato alcuni punti essenziali del programma: dall’aeroporto di Grazzanise al no al nucleare e alla centrale del Garigliano; dall’idea di sviluppo incentrato sulla nuova economia del verde e dei settori tecnologicamente avanzati, dalla valorizzazione turistica alla promozione delle tipicità casertane e delle eccellenze paesaggistiche culturali.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico