Caserta

Parisella (Udc): “Basta con il Napolicentrismo”

Pasquale ParisellaCASERTA. “La sfida che ci attende nei prossimi anni è una partita che non possiamo e non dobbiamo perdere. Perché per noi rappresenta la partita della vita.

E quando dico noi mi riferisco a noi cittadini. Ed il percorso che ci dovrà portare alla vittoria ed alla costruzione della nuova Provincia di Caserta lo facciamo insieme al nostro presidente, l’onorevole Domenico Zinzi”. Il medico Pasquale Parisella, candidato al consiglio provinciale con l’Udc al collegio Caserta 3, esce allo scoperto e lancia la sfida.

“Uno degli obiettivi primari del nostro programma elettorale è sganciarsi da ‘mamma Napoli’, interromperne la sudditanza, il cosiddetto ‘napolicentrismo’, e concentrarsi sulla realizzazione di una vera e propria ‘autonomia casertana’. Ciò non significa puntare un dito razzista contro Napoli; qui non è in atto nessuna guerra fratricida ma solo la consapevolezza e l’orgoglio che Caserta e la sua Provincia, attraverso la espressione di una classe dirigente rinnovata e salubre, sono realtà che possono tranquillamente camminare da sole senza essere soppresse da altri. La vicinanza col capoluogo regionale deve essere vista come una opportunità per aumentare la produttività e la ricchezza e non come subalternità. La nostra terra è stata per anni violentata e martoriata dalla delinquenza e da una classe dirigente che non è risultata in grado di contrastare il degrado nelle sue varie forme. Siamo allora di fronte ad un bivio. Continuare lungo la stessa strada che la datata nomenclatura ci vuole riproporre, magari mal-riveduta e mal-corretta poiché espressione della stessa regia. Oppure rimboccarsi le maniche ed intraprendere la strada della discontinuità dal passato”.

Infine, Parisella si rivolge agli elettori: “Non disertate le urne perché questo atteggiamento si ritorce proprio contro coloro che vorrebbero che le cose cambino. Bisogna prendere coscienza del fatto che è la politica a regolare gli standard di vita dei cittadini ed è quindi la politica che decide la nostra sorte”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico