Campania

Regionali, Stefano Caldoro è il nuovo governatore della Campania

Stefano Caldoro NAPOLI. Stefano Caldoro è il nuovo governatore della Regione Campania.

Il candidato del centrodestraottiene oltre dieci punti di vantaggio, attestandosi al 53-54% dei voti contro il 43-44% del candidato di centrosinistra, Vincenzo De Luca. Paolo Ferrero, della Federazione della Sinistra, è all’1,31%, superato da Roberto Fico, del Movimento 5 Stelle di Beppe Grillo, all’1,7%.

“Abbiamo raccolto una grande volontà di cambiamento. Il voto dimostra che la gente vuole fatti e non più parole”. Queste le prime paroledi Caldoro dal comitato elettorale. “Abbiamo un grande senso di responsabilità – ha proseguito – per questo da domani mattina saremo già a lavoro”.

“Il centrodestra e il Popolo della libertà in particolare conquistano dopo dieci anni la Campania, che non è soltanto la seconda Regione più popolosa d’Italia, ma è stata il primo e più importante laboratorio della politica di centrosinistra al Sud, un decisivo serbatoio di voti per il Pd”: così Mara Carfagna, ministro per le Pari Opportunità, commenta i primi dati sulle elezioni regionali. “Cinque milioni di campani – aggiunge il ministro – conosceranno presto la buona amministrazione del centrodestra, riusciranno a dimenticare il sistema clientelare fatto di sprechi e lentezze costruito in questi anni dal centrosinistra che, giustamente, gli elettori hanno scelto di spazzare via. Anche solo la conquista della seconda Regione d’Italia, estremo baluardo della classe dirigente meridionale della sinistra, dopo così tanti anni, potrebbe consentirci di parlare di grande successo del centrodestra e del governo alle elezioni”. “Per questa vittoria dobbiamo dire grazie innanzitutto al presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, che ha sempre prestato grande attenzione alle esigenze di questa terra, come di tutto il Sud Italia” conclude Carfagna.

“Si conferma la voglia di cambiamento dei cittadini campani, così come era già stato registrato alle provinciali dell’anno scorso”. Lo afferma il sottosegretario all’Economia e coordinatore regionale del Pdl Nicola Cosentino. Durante la campagna elettorale, per Cosentino, un centrosinistra “privo di argomenti per giustificare i fallimento di questi 15 anni” ha spostato il confronto da temi reali sul piano dello scontro personale. “Ha acceso la campagna elettorale solo con le polemiche – ha sottolineato – E lo ha fatto anche sgarbatamente. Ma non è servito perché gli elettori hanno ben presente i disastri del centrosinistra. I cittadini hanno nella mente l’immagine ormai indelebile dei rifiuti per strada”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

buone-feste2

Condividi con un amico