Sant’Arpino

Dopo 20 anni ristrutturato il Bocciodromo “Santa Barbara”

 SANT’ARPINO. Buone nuove per gli appassionati di bocce del comune atellano. Dopo oltre venti anni, infatti, grazie all’intervento dell’amministrazione comunale guidata dal sindaco Eugenio Di Santo, è stato ristrutturato il luogo simbolo di questo sport nel centro alle porte di Aversa, il bocciodromo “Santa Barbara”.

A darne la notizia sono il Presidente ed il Segretario dello stesso bocciodromo, Demetrio Dell’Aversana e Luigi Di Serio, che hanno rimarcato “il repentino interessamento e l’intervento immediato dell’esecutivo cittadino ed in prima persona dello stesso sindaco. I lavori, che sono stati sollecitati in particolar modo dal signor Peppino D’Ambra, si sono resi particolarmente necessari anche perché il 13 giugno prossimo la nostra struttura ospiterà una gara di ribalta nazionale che vedrà confluire a Sant’Arpino 256 coppie, e quindi oltre 500 fra i migliori giocatori di bocce d’Italia”.

I lavori hanno interessato l’intera struttura e hanno riguardato l’impianto elettrico, i sanitari, l’intonaco e la tinteggiatura degli interni e degli esterni. “Il bocciodromo comunale Santa Barbara – prosegue il segretario Di Serio – da 20 anni non subiva un intervento tanto radicale. Da tempo invocavamo un interessamento degli organi preposti, ma purtroppo fino ad oggi nessuno avevamo avuto solo promesse, nonostante la passione e l’entusiasmo dei tanti frequentatori del nostro sodalizio. Il sindaco Di Santo, invece, ha mostrato una grande sensibilità la stessa che da sempre ha dimostrato per qualsivoglia attività sportiva e culturale della nostra comunità, intervenendo istantaneamente, mettendo a disposizione tutti gli strumenti necessari per soddisfare le nostre esigenze. Un grazie che estendiamo, ovviamente, anche al consigliere delegato alle politiche sportive Domenico Cammisa che pure ci è stato vicino in questa fase. Siamo sicuri – conclude il segretario Di Serio – che anche nel futuro il sindaco Di Santo sarà al nostro fianco sostenendo una realtà come la nostra che tanti consensi riscuote nella collettività”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico