Home

Napoli-Inter: è di scena il calcio-spettacolo

Mazzarri e MourinhoNapoli e Inter si sfideranno domenica sera allo stadio San Paolo nello straordinario spettacolo del pubblico che, negli ultimi anni, non ha mai tradito le aspettative né per quanto riguarda i biglietti venduti né per le incantevoli coreografie organizzate.

La partita di quest’anno deve dire tante cose: in primo luogo deve chiarire davvero quali possono essere le aspettative della squadra di Mazzarri che, dopo la sconfitta rimediata a Udine, sembra aver ridimensionato le aspettative del suo pubblico. Oltre a questo, c’è da capire se la vittoria di sabato sera della Roma, 4-1 al Palermo allo stadio Olimpico, possa davvero valere la riapertura del campionato. Mezza Italia, compresi i classici “gufi” milanisti e juventini, spererà in un passo falso della capolista per racimolare qualche punto e la più accreditata in questo senso è proprio la squadra di Ranieri che è a soli 6 punti anche se con una partita in più.

Mazzarri vuole ritornare alla vittoria e dimenticare la sconfitta di domenica, come afferma nell’intervista della vigilia: “Sto ancora male per la sconfitta di Udine ma quando ho rivisto la partita sono stato ancora peggio. Non vedo l’ora di giocare domani proprio per togliermi dalla mente quelle immagini e spero lo facciano anche i nostri ragazzi”. Insomma, il tecnico promette una partita combattuta all’Inter di Mourinho, e come non potrebbe farlo visto che è stato il traghettatore del dopo Donadoni. Questo Napoli sembra troppo diverso da quello di solo qualche mese fa, proprio con l’ex allenatore della nazionale in panchina, c’è più gioco che, unito ad un pizzico di fortuna (basta guardare la rimonta perfetta al Milan nei minuti finali), ha contribuito a portare la squadra partenopea al quinto posto in classifica ad un solo punto dalla Sampdoria.

Il grande assente sarà Maggio, espulso domenica, al suo posto ci sarà Pazienza, mentre in avanti c’è da registrare il ritorno dell’acclamatissimo Lavezzi dopo il mese e mezzo di stop. Tra i pali ancora la sicurezza di De Sanctis che domenica, malgrado i tre gol subiti, non ha avuto alcuna responsabilità, anzi sul rigore del vantaggio friuliano è riuscito anche a respingere prima di essere battuto col tocco vincente dello stesso Di Natale. Zuniga e Grava avranno il difficile compito di marcare Santon e Maicon mentre i centrali saranno Campagnaro e Cannavaro. Chiavi del centrocampo affidate ad Hamsik con Dossena, Gargano e Pazienza a dargli una mano. In avanti a far coppia col “Pocho” Lavezzi troveremo Denis.

Mourinho, da parte sua, scende a Napoli per tentare di conquistare i tre punti che non ha mai ottenuto negli ultimi due anni a causa dei goal di Zalayeta, uno per anno. Ora la partita giunge in un periodo del tutto differente, perché le altre due erano verso la fine della stagione e soprattutto con tutti i giocatori a disposizione, fattore da non sottovalutare. I nerazzurri sperano di archiviare il pareggio di Parma con una vittoria proprio a Napoli e per dare l’ennesimo segnale di chiusura al campionato, così si punterà tutto sul ritorno di Snijder, assente per due settimane per la squalifica dovuta all’applauso all’arbitro nel derby, che si muoverà dietro le due punte, Eto’o e Milito, con Pandev e Balotelli pronti a subentrare. Un attacco pericolosissimo, dunque, che, specie nella recente partita contro il Cagliari, ha messo in luce tutte le sue qualità.

E’ certo che Mourinho giocherà principalmente sul contropiede cercando di fulminare la difesa avversaria con la velocità di Eto’o e Milito anche se il centrocampo dovrà lavorare molto con Zanetti, Cambiasso e Muntari. Julio Cesar sarà difeso da Maicon, Lucio, a segno all’andata, Samuel e dal giovane Santon, divenuto titolare dopo l’infortunio di Chivu a Verona contro il Chievo.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico