Gricignano

Zona Asi, opposizione: “Business, cemento e niente posti di lavoro”

 GRICIGNANO. “Business, cemento e niente posti di lavoro”. Così si intitola il manifesto a firma dei consiglieri di opposizione Luigi Diretto, Giuseppe Barbato, Andrea D’Angelo e Antimo Verde.

“Stiamo assistendo – scrivono – alla progressiva distruzione di quella che una volta era la risorsa principale di sostentamento per tutti i gricignanesi. Ci riferiamo alle nostre campagne che erano sapientemente coltivate e davano orgoglio e reddito a numerose famiglie della nostra cittadina. Poi l’industrializzazione e la globalizzazione hanno cambiato la vocazione della nostra zona che è passata progressivamente da agricola a quella industriale, senza però tener presente alcuni passaggi fondamentali di questa fase tuttora in atto, e su cui vogliamo provare ad attirare la vostra attenzione”.

“Il nostro comune – sottolineano i quattro consiglieri – è ormai svincolato dal consorzio Asi, il quale gestiva, insieme al comune stesso, gli insediamenti produttivi, ora questo svincolo avrebbe dovuto portare vantaggi alla nostra comunità anche e soprattutto sul piano occupazionale. Ebbene, per chi non se ne fosse accorto, l’amministrazione comunale, oggi, è l’unico organo competente che gestisce gli insediamenti industriali sul nostro territorio. Assistiamo ad un vero e proprio saccheggio, dove a gestire sono solo i ‘pochi intimi’, manco a dirlo, senza alcun criterio, mettendo in atto la solita logica per dare un ‘contentino’ a qualche amico tecnico o imprenditore che sia, senza un minimo di garanzia sul piano occupazionale a compenso della perdita di territorio agricolo. Siamo alle solite, si pensa a gestire solo concessioni e costruzioni, ma di un piano ‘serio’ di occupazione nemmeno l’ombra”.

I consiglieri chiariscono: “Noi non siamo contro l’industrializzazione e il progresso sostenibile, ma non possiamo accettare questo modo assurdo di gestire il territorio e chiediamo fin d’ora, con tutta la nostra forza di rappresentanza, che vengano da subito attivati tutti quei canali per favorire l’inserimento dei giovani di Gricignano nel mondo lavoro. Alla fine non siamo più un paese né agricolo né industriale, ma siamo diventati una comunità di disoccupati. Pensiamo che sia un dovere prioritario di chi amministra la cosa pubblica, interessarsi di queste problematiche soprattutto in momenti di grave crisi occupazionale come quella in corso”.

L’opposizione chiede “un piano urbanistico industriale ‘serio’ per organizzare in aree omogenee gli insediamenti. Un piano occupazionale dove le industrie, in fase di completamento, devono adottare per l’inserimento lavorativo dei nostri giovani. I giovani di Gricignano non possono più aspettare”. E concludono: “Noi siamo pronti a fare la nostra parte come più volte ribadito, la maggioranza è disponibile su questi temi?”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico