Casal di Principe - San Cipriano - Casapesenna

Schiavone: “Non presentiamo liste alle comunali”

Vincenzo SchiavoneCASAL DI PRINCIPE. Il capogruppo di opposizione Vincenzo Schiavone, lancia una provocazione in attesa della decisione del Tar Lazio sul ricorso presentato contro la rimozione dei sindaci di Casale Cristiano e di Maddaloni Farina.

L’udienza è stata rinviata al 10 marzo, giorno in cui lo stesso tribunale amministrativo regionale emetterà una sentenza di merito, che sarà a tutti gli effetti definitiva. Nel frattempo, però, le elezioni comunali in entrambi i Comuni continueranno il loro naturale corso, ovvero si presenteranno le liste, producendo tutti gli atti necessari, quindi si inizierà una campagna elettorale che a tutti gli effetti dovrà continuare fino al fatidico giorno 10 marzo. Se poi il Tar decidesse di reintegrare i sindaci, allora non si voterebbe.

“E’ necessario prendere in considerazione solo delle ipotesi, che fortunatamente sono solo due. – commenta Schiavone – Iniziamo dalla prima: il Tar Lazio si pronuncia emettendo una sentenza di convalida del provvedimento di rimozione, ovvero ammetterà che i motivi della rimozione dei sindaci riportati dal ministro dell’Interno e dal sottosegretario di Stato all’Emergenza Rifiuti in Campania erano pienamente fondati, allora nulla di fatto si procederà alle elezioni. Se invece il Tar emetterà una sentenza di accoglimento del ricorso presentato dai sindaci, allora gli stessi, con i relativi Consigli, saranno reintegrati al loro posto e le elezioni comunali saranno annullate”.

“Ma è accettabile tutto questo? – si chiede Schiavone – Questa è la considerazione che lo Stato ha di noi Cittadini della Provincia di Caserta? Cari cittadini, vi sembra di essere trattati come cittadini di uno Stato Civile? I nostri rappresentanti politici e istituzionali che fanno in tutto questo? A Casal di Principe, in questi ultimi giorni, insieme ad altri amici, abbiamo aperto una sede del Partito del Sud – Alleanza Meridionale, in Corso Umberto I, dove continuamente ci siamo incontrati per stabilire come comportarci rispetto alla tornata elettorale comunale e dagli ultimi incontri abbiamo deciso di presentarci con la nostra lista già ormai pronta e che sta raccogliendo numerosi consensi da parte di molti cittadini che fanno parte della società civile, avendo individuato anche il candidato sindaco”.

Il partito ha chiesto a Schiavone la disponibilità per una sua candidatura a sindaco e lui, ringraziandoli, ha accettato. “Ma tutto quanto si è verificato, – sottolinea il consigliere comunale – non fa altro che discreditare tutta la nostra comunità e siamo ancora più certi di come lo Stato ci abbia a cuore trattandoci da cittadini di serie Z. Lo Stato ci rimuove il sindaco, ma dimentica di rimuovere i rifiuti, motivo della grave inadempienza e attentato alla salute pubblica”.

A questo punto per Schiavone ci vuole una forte provocazione che arrivi fino alle più alte cariche della Stato e che sia condivisa da tutte le forze politiche locali. Da qui la proposta: “Non presentiamo nessuna lista per le elezioni comunali”.

You must be logged in to post a comment Login

I più letti

Condividi con un amico